I 10 eventi da non perdere al Festivaletteratura 2014 di Mantova

Appuntamento da mercoledì 3 settembre fino a domenica 7. Con Cunningham, De Gregori, Rifkin, Serra, Strout e molti altri

Lorenzo Barbarossa

-

Mercoledì 3 settembre, nel centro storico di Mantova, parte la nuova edizione di Festivaletteratura, il più importante festival letterario italiano. Anche quest’anno il calendario è fin troppo denso di incontri: quasi 380. Si attendono frotte di lettori incalliti. Per facilitare la scelta sul da farsi abbiamo stilato la consueta lista di 10 eventi a nostro avviso meritevoli, in ordine cronologico.

 

Philippe Daverio & Tazio Nuvolari
Daverio è conosciuto come piacevole divulgatore dell'arte. Al festival la sua prolusione però è dedicata a una leggenda dell'automobilismo d'altri tempi, quel Nuvolari che proprio sulle strade del mantovano imparò la velocità. Daverio e il mito di Nuvolari sono di scena il 3 settembre, alle ore 21, in piazza Castello, fra il Palazzo Ducale e il castello di San Giorgio.

 

Michele Serra e i giovani d’oggi
L'autore di Gli sdraiati  si misura pubblicamente con un gruppo di studenti più o meno coetanei del figlio protagonista di quel romanzo autobiografico. L'Elogio dello sdraiato si tiene il 3 settembre alle 18.30, sempre in piazza Castello.

 

Il giovane Holden: translation slam
Il translation slam è una specie di gara sportiva: un incontro di boxe nel quale al posto dei cazzotti volano interpretazioni letterarie. L'oggetto della contesa è un libro fra i più amati al mondo: The Catcher in the Rye, Il giovane Holden di J. D. Salinger. I duellanti: Matteo Colombo, che nel 2014 ha prodotto una nuovissima versione per Einaudi, e Anna Rusconi, a rappresentare  la famosa traduzione di Adriana Motti realizzata nel 1961. Il match si svolge il 4 settembre alle 10.30, sotto le volte di Santa Maria Vittoria, in via Monteverdi.

 

Come parlano i politici?
Una lezione istruttiva: lo storico Luciano Canfora confronta il linguaggio dei politici odierni con quello dei loro colleghi dell'antichità. E spiega che nel 2014 i comizianti copiano ancora molti trucchi dagli oratori greci e romani del passato. Venerdì 5 settembre, ore 20.30, a palazzo San Sebastiano (in largo XXIV Maggio).

 

Francesco De Gregori
De Gregori? E che c'entra con i libri? A dire il vero a settembre esce in libreria la sua biografia per foto, intitolata Guarda che non sono io  (edito da Svpress). E poi a Mantova, ad interrogarlo, ci sarà Marino Sinibaldi, papà della più nota trasmissione letteraria radiofonica, Fahrenheit (oltre che direttore di Radio Rai3). E comunque questo incontro può essere l’occasione per saperne di più anche sul prossimo album del cantautore, in uscita a novembre. Appuntamento: 5 settembre alle ore 21.15, ancora in piazza Castello.

 

Alberto Arbasino live
Suvvia, sei a Mantova, ti piace la letteratura, c’è quel fenomeno di Arbasino che parla e tu non vuoi andare a sentire cosa racconta? Prendi nota: tu e Arbasino vi vedete il 6 settembre alle 11 di mattina, nel cortile (se non piove) dell’Archivio di Stato, che è in via Ardigò a Mantova.

 

Jeremy Rifkin
Il guru dell'economia sostenibile sarà a Mantova per darci la sua lezione sull'ascesa del anticapitalismo, sabato 6 settembre alle 14.30 in piazza Castello. L'ultimo saggio di Rifkin è La società a costo marginale zero, in libreria a settembre per Mondadori. 

 

Elizabeth Strout
Un'autrice acclamatissima da critici e lettori, specie per i suoi ultimi due romanzi: Olive Kitteridge (premio Pulitzer 2009) e I ragazzi Burgess, entrambi editi in Italia da Fazi. Elisabeth Strout parlerà di  libri e di America con Piero Dorlfes (il professore di "Per un pugno di libri") sabato 6 settembre dalle 21.15 a palazzo San Sebastiano, in largo XXIV Maggio.

 

Michael Cunningham
Gran finale: dopo Strout a Mantova arriva un'altra star della letteratura statunitense contemporanea. L’autore di The hours (premio Pulitzer per la fiction nel 1999) e di altri romanzi adorati dalla critica internazionale (il più recente è La regina delle nevi , Bompiani) incontrerà i suoi lettori domenica 7 settembre alle 18.30 in piazza Castello. E la sera prima presenterà il film di Martin Scorsese sulla storia della New York Review of Books, la celebre rivista letteraria (sabato 6 settembre alle 19.30 al cinema di via Oberdan 11, ingresso: 3€).

 

Blurandevù
Dopocena, alle 22.30, per concludere in bellezza le giornate, puoi andare in piazza Leon Battista Alberti, dove troverai saggisti come Massimo Recalcati (5 settembre) o umoristi come Stefano Benni (6 settembre). La partecipazione agli incontri della serie Blurandevù è gratuita.

 

Attenzione però: ad eccezione degli incontri Blurandevù, l’ingresso a ciascun evento indicato sopra non è gratuito: costa 5 euro. Le informazioni sulle modalità delle biglietteria sono qui .

Se poi questi dieci appuntamenti non bastassero, c’è sempre l’app gratuita con il programma completo e un'esauriente guida al festival per iPhone e iPad  o per Android .

© Riproduzione Riservata

Commenti