Al via il Festival degli scrittori-premio von Rezzori

A Firenze, tra narrativa contemporanea e i classici della Mitteleuropa

Lo scrittore Dave Eggers sarà presente al Festival degli Scrittori - Premio Gregor von Rezzori di Firenze – Credits: ufficio stampa

Micol De Pas

-

Tre giorni di libri, autori e spettacoli teatrali al Festival degli Scrittori -  Premio Gregor von Rezzori di Firenze. Una manifestazione molto selettiva, che segue la filosofia della maison von Rezzori: selezionare il meglio della narrativa straniera, tradotta in Italia. Uno sguardo preciso, capace di offrire al pubblico i nomi più interessanti nel panorama internazionale. Ecco il primo buon motivo per andare a Firenze. Ma ce ene sono anche altri.

1 - Dedicato a chi ama Emmanuel Carrère. In Italia si è reso famoso con un racconto erotico, Facciamo un gioco (Einaudi 2004), scritto in forma di lettera alla sua compagna in cui l'autore immagina a un'ipnosi attraverso la quale avrebbe realizzato il suo sogno erotico, appunto, con un finale a sorpresa, degno di un film. E in effetti di film ne ha realizzati due, tra cui L'amore sospetto, tratto dal suo romanzo Moustache. Chi ama questo autore, ama il suo continuo intersecarsi dei piani del fantastico e del reale (spesso conun aresa dei conti piuttosto concreta). E al Festival fiorentino terrà un lectio magistralis dal titolo La somiglianza (12 giugno, ore 18,00).

2 - Per chi cerca storie sulle sorti del mondo. Due gli appuntamenti. Jonathan Lethem, l'autore americano che si muove tra fantascienza, romanzi d'amore e saggistica, presenta il suo ultimo lavoro Il giardino dei dissidenti in prima nazionale parlando con Roberto Andò, Giuseppe Civati e Paolo Di Paolo su politica e forme di dissidenza. Mentre Dave Eggers porta la sua esperienza con 826 Valencia , una scuola no profit di scrittura per ragazzi tra i 6 e i 18 anni. Ma soprattutto la sua incorllabile idea secondo cui attraverso la scrittura si costruisce l'identità delle persone. A Firenze incontrerà i ragazzi di una realtà analoga ma locale, Porto delle storie (13 giugno, ore 11,00).

3 - Per quelli che amano ascoltare. Il Festival degli Scrittori è collegato al Premio Gregor Von Rezzori. E Per festeggiare i cento anni dello scrittore mitteleuropeo a cui è dedicato il premio (e la passione letteraria), va in scena un recital di pagine selezionate da Claudio Magris e Giorgio Pressburger: un viaggio da Robert Musil a Peter Handke, passando per von Rezzori stesso. Sul palco, Isabella Rossellini, Valeria Golino e Ralph Fiennes (13 giugno,ore 21,30).

4 - Per chi non può fare a meno delle classifiche. Incontri con i finalisti del Premio von Rezzori: Leopoldo Brizuela (La Plata, 1963) con Una stessa notte (Ponte alle Grazie), racconto sulla memoria e sul potere nella dittatura argentina, Maylis de Kerangal (Tolone, 1967) con Nascita di un ponte (Feltrinelli), i destini incrociati di uomini e donne  in una California immaginaria; Dave Eggers (Chicago, 1970) con Ologramma per il re (Mondadori), ritratto di un uomo contemporaneo alle prese con la crisi globale; Georgi Gospodinov (Jambol, 1968) con Fisica della malinconia (Voland), lun viaggio nel mondo del possibile e nel labirinto dei sentimenti e Tom McCarthy (Londra, 1969) con C (Bompiani), il racconto immaginifico della breve ma intensa vita di Serge Carrefax. (premiazione 14 giugno, ore 18,00).

5 - Pensato per chi sogna il cinema. Si intitola The dreamers: come trasformare le parole in immagini l'incontro in cui Bernardo Bertolucci, Emmanuel Carrère e Michael Cunningham parleranno di cinema e letteratura (13 giugno, ore 18,00)

© Riproduzione Riservata

Commenti