Festival di Sanremo 2013: 5 libri sui cantanti in gara

Il racconto di alcuni protagonisti dell'Ariston: Elio e le Storie Tese, Malika Ayane, Marco Mengoni, Daniele Silvestri e Simone Cristicchi

Elio e le Storie Tese – Credits: Facebook

Redazione

-

Mentre il Festival di Sanremo 2013 scalda i motori in vista della partenza di questa sera, ci siamo chiesti se la kermesse dell'Ariston consentisse di parlare, oltre che di note, anche di carta stampata. Ne è venuta fuori una bibliografia sui generis, dedicata ad alcuni dei cantanti/gruppi che si esibiranno nei prossimi giorni (senza nulla togliere agli altri: è tutta una questione legata alla disponibilità di libri).

Elio e le Storie Tese – Vite bruciacchiate (Bompiani)
Titolo e sottotitolo ("Ricordi confusi di una carriera discutibile") testimoniano il taglio di questa singolare autobiografia collettiva: parlano Elio, i membri delle Storie Tese, amici e colleghi, compresa ad esempio Giorgia. Il racconto si muove tra il serio e il faceto, come direbbe Elio.
Consigliato ai supergiovani.

Malika Ayane – Cantami o diva (Italic)
Scritto da Michele Monina, il saggio ripercorre in 160 pagine i momenti che hanno preceduto la prima apparizione di Malika Ayane sul palco dell'Ariston (Sanremo 2009, categoria Nuove Proposte) e quelli che un anno più tardi l'hanno vista protagonista fra i Big.
Consigliato agli amanti del dietro le quinte.

Marco Mengoni – Solo un re (Ultra)
Parole e immagini raccontano in tono trionfale i tre anni che hanno cambiato per sempre la vita del giovane Marco Mengoni. Tappe principali: l'affermazione durante X Factor 3, la vittoria agli MTV Europe Music Awards 2010 nella categoria Best European Act (il primo italiano ad aggiudicarsi il premio), i successi commerciali dei suoi dischi.
Consigliato ai fan.

Daniele Silvestri – Professione latitante (Aliberti)
I primi 40 anni del cantautore romano condensati in 139 pagine. L'autore del libro, Leonardo Iannacci, condisce la biografia con aneddoti e testimonianze di colleghi, amici ed estimatori (compreso Pippo Baudo, che firma la prefazione).
Consigliato a quelli che resistono.

Simone Cristicchi – Dialoghi incivili (Eleuthera)
Insieme all'amico Massimo Bocchia, Simone Cristicchi chiacchiera a ruota libera dei temi che gli sono cari, in modo particolare degli esclusi che la società relega ai margini e che spesso sono i protagonisti delle sue canzoni.
Consigliato a coloro che si fanno sedurre dai ritratti obliqui.

--------------------------

- Vite bruciacchiate – Elio e le Storie Tese (Bompiani)
- Cantami o diva – Michele Monina (Italic)
- Solo un re – Mario Ruggeri (Ultra)
- Professione latitante – Leonardo Iannacci (Aliberti)
- Dialoghi incivili – Simone Cristicchi e Massimo Bocchia (Eleuthera)

© Riproduzione Riservata

Commenti