"Donne a matita" la graphic-fiction che spopola sul web

Seconda puntata del fumetto a base di ironia femminile. Dal 10 luglio

La copertina di Donne a Matita, Shockdom editore (da ufficio stampa)

Micol De Pas

-

Le protagoniste si chiamano Sara, Cornelia, Loredana e Ambra. Le loro avventure, sono quelle di tutte noi. Ma a raccontarle ci pensa un fumetto, Donne a Matita, che al suo primo episodio ha avuto un successo da Best Seller: oltre 40mila lettori. Tutti online. Perché le storie quotidiane di quattro donne contemporanee non potevano che trovarsi sul web, in una striscia disegnata, pensata e realizzata per un pubblico di naviganti.

Inaugurando un nuovo genere, quello della graphic fiction, Donne a Matita è una sorta di Sex and the city a disegni, che si propone di narrare l’ironico e scanzonato mondo al femminile. Così Sara deve rientrare al lavoro dopo aver avuto un bambino, Ambra è una bellissima ex modella che vive di ottimismo, Loredana è tanto acuta quanto tranchant, mentre Cornelia ha un occhio particolarmente attento a individuare look sgradevoli e cadute di stile sugli uomini che incontra. A fare da sfondo, la città d Milano, tra uffici, tic e riti sociali così veri e comuni da tenere il pubblico incollato fino all’ultima vignetta. Ma, sorpresa, il primo episodio si interrompe sul più bello…

E ora, il 10 luglio, arriva la seconda puntata: l’ideatore, Lucio Staiano, si aspetta di raggiungere i 50 mila visitatori. Pronti a salire sul tappeto volante di tutte quelle donne equilibriste tra lavoro, figli, mariti e, nel caso delle lettrici, pronte a rivedere se stesse. Forse piace proprio perché tutti abbiamo per amica una Cornelia e una Loredana e abbiamo a che fare spesso con qualche Ambra o Sara. O forse perché tutte noi abbiamo un pizzico del carattere delle quattro di Donne a Matita. Sicuramente, scenari e temi sono molto famigliari a tutti. A tutte, per la verità. Perché la voce femminile è decisamente in soggettiva.

A lanciare l’idea è stato Shockdom, primo editore italiano di strisce da leggere in Rete e sui cellulari.

Donne a Matita, dal 10 luglio su donneamatita.it

© Riproduzione Riservata

Commenti