'Il conclave' di Fabrizio Battistelli

Quello del 1740 fu uno dei più lunghi conclavi della storia della Chiesa: sei mesi di  intrighi, veleni, lotte intestine

Fu uno dei più lunghi conclavi della storia della Chiesa: sei mesi di intrighi, veleni, lotte intestine prima di arrivare al 255° scrutinio che portò, il 17 agosto 1740, all’elezione di Benedetto XIV. Fin qui la storia. Nel romanzo scritto da Fabrizio Battistelli nel 1991, Riziero di Pietracuta è chiamato a Roma dal fratello monsignore per risolvere il mistero che avvolge una serie di delitti perpetrati tra le Mura vaticane durante quel travagliato conclave, teatro di inquietanti passioni e amori proibiti tra prelati di dubbia moralità e avventurieri senza scrupoli.
PERCHÉ RI-LEGGERLO
La speranza è che il prossimo conclave sia più breve di quello del 1740. Ma le divisioni all’interno della curia vaticana lasciano immaginare ombre su strategie, alleanze e rapporti di forza tra i 117 grandi elettori del prossimo Pontefice che stanno raggiungendo Roma da tutto il mondo.

Il conclave di Fabrizio Battistelli
(Einaudi, 174 pagine, 10 euro)

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Commenti