Braccialetti Rossi: la forza di Espinosa

Scoprirete nel libro il potere dei sogni e la forza per realizzarli. E si aprirà il "mondo giallo": un universo che scalda e avvolge come il sole

Schermata 2015-03-10 a 16.41.38

Braccialetti Rossi di Albert Espinosa, Salani - Rai Eri – Credits: ufficio stampa Salani

Marina Jonna

-

In genere prima leggo un libro e poi guardo il film. Ma questa volta è successo il contrario.

Mi sono appassionata alla serie televisiva Braccialetti Rossi e da allora non ho perso una puntata (neanche le repliche).

Ora che sta per arrivare l'ultima, ho deciso di leggere il libro di Albert Espinosa (Braccialetti Rossi, edito da Salani - Rai Eri): un personaggio che mi ha incuriosito dalla prima volta che l'ho visto. Casualmente trasandato ha una forza interiore che trasmette a chiunque lo veda: ma è anche ironico e, in un certo senso, sembra avere lo spirito che, in genere, contraddistingue gli adolescenti. Ovvero quel modo di fare un po' scanzonato con la convinzione di poter arrivare a tutto, con la sola forza di volontà.
Ma lui non è un adolescente e nella sua vita ha dimostrato che questo è possibile.

Già nella prefazione si capisce di essere di fronte a uno scrittore diverso che si pone accanto al lettore in modo limpido e autentico, cercando di guidarlo senza voler insegnare nulla: e il suo "mondo di gialli", caldo e avvolgente come il sole, sta già entrando in te, senza che tu te ne accorga. 
Espinosa ci regala la sua esperienza di vita passata attraverso il cancro. Ma questo non è un libro triste: con parole semplici e dirette ci racconta come la sua condizione gli ha insegnato a vedere la bellezza anche quando sembra che non ci sia. E come perdere una parte di sé non sia una sottrazione di vita ma un'occasione per guadagnare qualcosa.

I capitoli vengono chiamati, non a caso, "scoperte” per trasformare ogni istante della propria esistenza, anche il più cupo, in un momento di gioia.

Il primo capitolo "Per cominciare” parte proprio dalla parola cancro o tumore "finchè non gli dai voce, finché non lo accogli nella tua vita, difficilmente potrai accettare ciò che hai: ma senza che sia definita tragica", come dice Espinosa. E scrive la sua storia con la semplicità di chi sta raccontando un'esperienza di viaggio: ”Ho perso una gamba, un polmone e un pezzo di fegato. Eppure devo dire, e devo farlo adesso, che per me è stato un periodo felice: ricordo quegli anni come i più belli della mia vita”.

 

Il testo è esattamente come la serie televisiva: l'ironia pervade ogni pagina e la malattia, che pur resta una componente fondamentale, è vissuta con leggerezza.

Espinosa dichiara che avrebbe voluto intitolarlo: Come sopravvivere alla malattia grazie al cancro. Un paradosso, indubbiamente, ma "la vita è un grande paradosso e io adoro le contraddizioni”, come scrive l'autore.
Tra queste pagine ritroverete il patto che ha legato i Braccialetti Rossi: dividersi la vita di chiunque non fosse riuscito a farcela. "Un patto straordinario: comunque fosse andata, avremmo continuato a vivere attraverso gli altri”.

A poco a poco ti accompagna, come fosse un amico, dentro il mondo giallo che è, con le sue parole "un modo di vivere, di vedere la vita, di nutrirsi delle lezioni imparate nei momenti brutti e in quelli belli", e ancora si legge: "È un mondo senza regole, senza etichette e senza norme”. Il mondo giallo è: "Un posto caldo, dove i baci possono durare dieci minuti, dove gli sconosciuti possono diventare i tuoi più grandi alleati, dove l'affetto è un gesto quotidiano come quello di comprare il pane, dove la paura perde significato, dove la morte non è una cosa che succede agli altri, dove la vita è il bene più prezioso”.

E si scivola nella sua esperienza e ogni capitolo diventa una scoperta: episodi che, prima, avremmo definito solo tragici diventano preziosi e svelano un lato positivo che nessuno avrebbe mai visto.

Una lezione di vita, dove anche l'esperienza più dolorosa può nascondere la bellezza, mentre la sua massima "Se credi nei sogni, i sogni si creeranno”, pervade ogni pagina, ogni riga del libro. Il tutto raccontato con grazia, simpatia e un'ironia autentica e irresistibile.

E alla fine ti chiedi se potrai mai avere, nel tuo mondo giallo, una persona come Espinosa.
Io mi auguro di sì.


Braccialetti Rossi di Albert Espinosa
Salani - Rai Eri
pp. 167 (12,90 euro)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Braccialetti Rossi 2: perché lo guardo

Non sono solo carini e simpatici i protagonisti, c'è molto di più. Dopo ogni puntata mi accorgo che, dentro, mi è restato qualcosa di speciale

Braccialetti Rossi 2: l'8 per cento

Tutti gli appassionati di questa serie sanno cosa vuol dire: 8% sono le possibilità che Leo ha di sopravvivere

Commenti