++ Franceschini, mio impegno togliere Imu librerie ++
Libri

Al via il Salone del Libro di Torino 2016

"Eliminazione dell'Imu per le librerie", la proposta è del ministro Franceschini presente all'inaugurazione della kermesse al Lingotto. Fino al 16 maggio

"Eliminazione dell'Imu per le librerie. Sarà lo Stato a trasferire ai Comuni l'introito". La proposta viene dal ministro dei Beni e le Attività culturali Dario Franceschini che è intervenuto all'inaugurazione del Salone Internazionale del Libro di Torino. Riflettori accesi, quindi, sull'edizione numero 29 della manifestazione libraria che questa mattina è partita al Lingotto.

Libri gratis anche per i bambini ha proseguito il ministro: "Dobbiamo fare tutto il possibile per promuovere la lettura tra i bambini, anche i più piccoli. L'idea di regalare un libro alla nascita è già stata adottata da parecchi Paesi e in Italia c'è un progetto pilota in Umbria".


 


Definita in termini ottimistici dal direttore Ernesto Ferrero, come "la kermesse più scintillante", tra le novità vede l'essenza di un unico Paese ospite, mettendo in evidenza il focus sulla letteratura e la cultura del mondo arabo che elenca tra gli invitati il direttore del Museo del Bardo di Tunisi Moncef Ben Moussa,il poeta Adonis,Tahar Ben Jelloun. Tra gli autori italiani e internazionali ci sono Dario Fo, Claudio Magris, Dacia Maraini, Michael Cunningham e Shirin Ebadi.

Tema di quest'anno è "Visioni", declinato non solo per quanto riguarda la letteratura, ma anche nella scienza e nelle arti applicate, soprattutto l'architettura.

LEGGI ANCHE: Salone del Mobile, gli appuntamenti da non perdere


La visionarietà "è un tema appropriato per questo Salone innovativo. Questo governo ha scelto di fondare la sua scelta politica sulla cultura e sull'istruzione" ha detto il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini in un videomessaggio proiettato durante la conferenza 'Cultura e istruzione, scuola di visionarietà' in apertura della manifestazione. "La nostra è una società basata sulla conoscenza, quindi sapere è vita. È importante il tema scelto, cogliendo la contraddizione di oggi: non c'è mai stata una società così libera nell'acceso alle informazioni. Il grande lavoro che la cultura del libro può fare nella società italiana è fondamentale".

E riferendosi al tema conduttore del Salone "le visioni", il presidente del Salone Giovanna Milella ha affermato: "Noi per primi ci siamo mossi seguendo il tema, cercando di risolvere i problemi ereditati dal passato, grazie a un nuovo assetto societario, un assetto pubblico e privato, fondato non solo sul riordino dei conti, ma anche su un progetto innovativo di contenuti condivisi". "In quest'ottica - ha proseguito - stiamo superando le difficoltà economiche e questa edizione presenta un programma di grande rilievo". 

Fino al 16 maggio al Lingotto saranno presenti oltre mille espositori, di cui 70 al Salone per la prima volta, come lo storico Istituto Luce, raffinato libraio-editore di scuola napoletanae La Conchiglia di Capri, e i 24 editori indipendenti dell'Incubatore, che festeggia 10 anni.


© Riproduzione Riservata

Commenti