Libri

A New York i libri si comprano al metro

Alla libreria Strand di Manhattan il prezzo delle collane è stabilito in base alla loro lunghezza

strand-bookstore

Andrea Bressa

-

La libreria Strand di New York è una tappa obbligata per gli amanti del libro. Dall’anno della sua fondazione, il 1927, ha guadagnato nel tempo grande fama, diventando una delle più note e apprezzate librerie nel mondo, specializzata in volumi di seconda mano.

Il suo patrimonio conta circa 2,5 milioni di libri, organizzati su circa 30 chilometri di scaffali. Un vero e proprio luogo da sogno, dove, immergendosi per intere giornate, si possono scovare anche molti testi rari e prime edizioni autografate dai grandi della letteratura americana.

Alla Strand, nota anche per i buonissimi affari che si possono fare, con prezzi che partono da 1 dollaro, hanno recentemente deciso di affidarsi a un originale metodo di vendita. I clienti, infatti, possono acquistare i libri “by the foot”, ossia a un prezzo calcolato in base alla lunghezza che occupano i volumi, a partire da 10 dollari al piede.

L’offerta è valida solo per le collane e permette ai lettori più metodici, o a negozi o realtà commerciali che vogliono arredare con eleganza i loro ambienti, di realizzare, con poca spesa e in breve tempo, degli ordinati scaffali tematici sulle proprie librerie.

Un paio di curiosità: la libreria Strand è ancora a conduzione familiare e conta più di 240 dipendenti. Tra questi, nel passato, ci sono stati anche anche Patti Smith, che pare non abbia però un buon ricordo della sua esperienza, e Tom Verlaine.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tour tra le librerie più belle al mondo

Due sono italiane, "Bookàbar" di Roma e "10 Corso Como" di Milano. Hanno ambientazioni fascinose e look unici

Perché il Piccolo Principe di Saint-Exupéry invade le librerie italiane

Sono scaduti i diritti: ora tutti gli editori possono pubblicare uno dei libri più letti di tutti i tempi

James Patterson dona un milione di dollari alle librerie indipendenti

Una boccata d’ossigeno per i librai statunitensi arriva da uno dei più prolifici scrittori del mondo, che non rinnega però gli e-book

Commenti