5 gialli da leggere sotto l’ombrellone

Da Agatha Christie a Camilleri, passando per i racconti di Doyle e Maurice Leblanc, cinque libri per un’estate da brivido

Un particolare della copertina di "Le vacanze di un serial killer"

Un particolare della copertina di "Le vacanze di un serial killer" – Credits: Giano

Filippo Ferrari

-

L’estate, si sa, invita alla lettura. Quei piacevoli momenti di relax passati sotto l’ombrellone, tra una nuotata e l’altra, sembrano fatti apposta per essere occupati da un buon libro giallo. Ecco cinque grandi romanzi polizieschi di ambientazione vacanziera.

Corpi al sole - Agatha Christie (Mondadori)
Hercule Poirot decide di concedersi una vacanza per far riposare le sue preziose cellule grigie, stressate dal troppo lavoro. Ma il detective belga non riesce proprio a dimenticarli, i delitti: appena giunto sulla costa del Devon nota infatti che i corpi dei bagnanti sdraiati al sole assomigliano a cadaveri messi in fila all’obitorio. Date le premesse, non c’è da stupirsi se poi un omicidio avviene davvero. Poirot dovrà dire addio al tanto agognato riposo e indagare per assicurare il colpevole alla giustizia.

Ferragosto in giallo - Camilleri, Costa, Giménez-Bartlett, Malvaldi, Manzini, Recami (Sellerio)
In questa antologia sono raccolte le avventure estive di alcuni dei detective più noti della narrativa italiana: dall’immancabile Salvo Montalbano, che rinuncia volontariamente ad andare in vacanza per buttarsi nel lavoro, al vicequestore Rocco Schiavone, che le ferie invece vorrebbe godersele ma deve rimanere in servizio a Roma, passando per l’elettrotecnico Baiamonte, investigatore dilettante nato dalla penna di Gian Mauro Costa, costretto a servirsi del suo intuito anche durante un soggiorno presso la spiaggia di Menfi.

Gialli d’estate – Autori vari (Einaudi)
Quest’estate anche Einaudi propone la sua raccolta di gialli da leggere sotto l’ombrellone. Dal Nido di vespe della regina del giallo Agatha Christie, passando per una delle prime avventure di Arsenio Lupin, ladro gentiluomo nato dalla penna di Maurice Leblanc, fino a una macabra indagine condotta con il consueto aplomb dal grande Sherlock Holmes, i classici del genere poliziesco sono ben rappresentati in questa antologia, in cui non manca comunque lo spazio per autori più moderni, come ad esempio Fred Vargas.

In questa dolce estate – Mari Jungstedt (Piemme)
La quiete estiva di un camping dell’isola di Faro in Svezia è sconvolta dall’omicidio di un imprenditore edile, freddato sulla sabbia con un colpo di pistola. Quando, pochi giorni dopo, un secondo delitto viene commesso con la medesima arma da fuoco, inizia a delinearsi agli occhi del viceispettore Karin Jacobsson la pista di una vendetta covata per venti lunghi anni da un killer divenuto più pericoloso che mai.

Le vacanze di un serial killer – Nadine Monfils (Giano)
È tempo di vacanze. La famiglia Destrooper, composta da moglie, marito, due figli e nonna a carico, è pronta a solcare le strade delle Ardenne per raggiungere le spiagge del litorale belga. Ma le cose iniziano a prendere una brutta piega quando, durante il viaggio, vengono derubati di tutti i loro averi da un motociclista. Inizia a quel punto un’odissea interminabile, tra scambi di persona, omicidi e occultamenti di cadaveri, in un giallo dissacrante che ridicolizza i principali luoghi comuni di questo genere letterario.
-------

- Corpi al sole - Agatha Christie (Mondadori)
- Ferragosto in giallo - Camilleri, Costa, Giménez-Bartlett, Malvaldi, Manzini, Recami (Sellerio)
- Gialli d’estate – Autori vari (Einaudi)
- In questa dolce estate – Mari Jungstedt (Piemme)
- Le vacanze di un serial killer – Nadine Monfils (Giano)

© Riproduzione Riservata

Commenti