'La bella di Buenos Aires' di Manuel V. Montalbán
'La bella di Buenos Aires' di Manuel V. Montalbán
Cultura

'La bella di Buenos Aires' di Manuel V. Montalbán

In questo libro gli ingredienti ci sono tutti, come nel soffritto di ogni gustosa ricetta di Pepe. Ma non è questo il meglio dello scrittore spagnolo che ci manca da 10 anni

Barcellona; il mistero di una tangueira sexy che doveva diventare l’Emmanuelle argentina e che invece si ritrova nei bassifondi del Barrio Chino; la politica della giunta militare di Buenos Aires che contamina la rampante borghesia catalana, così come le indagini di polizia e i retaggi della dittatura di Francisco Franco. Il fido Biscuter, che è diventato addirittura socio di Pepe Carvalho, si insinua nella notte che anima le ramblas per risolvere l’intrigo. Ma nemmeno il nome del giudice Garzón riesce a far decollare il giallo.
Perché non leggerlo
Gli ingredienti ci sono tutti, come nel soffritto di ogni gustosa ricetta di Pepe. I libri finiscono sempre per accendere il fuoco di Valvidrera, ma la trama è sfilacciata, i protagonisti poco sfaccettati e pure Carvalho delega gran parte dell’inchiesta a Biscuter. Non è questo il Montalbán che ci manca da 10 anni.

La bella di Buenos Aires di Manuel V. Montalbán
(Feltrinelli, 156 pagine, 10 euro)

Leggi Panorama on line

Ti potrebbe piacere anche

I più letti