Rita Fenini

-

Toulouse-Lautrec è sicuramente da annoverare tra i maggiori artisti francesi tra il XIX e il XX secolo. Nella sua arte ha preso come soggetto la più disparata umanità parigina colta in momenti quotidiani o di divertimento: grande fonte d’ispirazione è stato il quartiere di Montmartre e la vita notturna dei suoi locali pubblici, rispecchiata nella maggior parte delle sue opere, rappresentazioni di istanti di vita quotidiana che Lautrec restituisce con effetti di grande immediatezza. Illustratore e disegnatore tra i più acclamati della capitale francese, a lui vennero commissionati manifesti pubblicitari per rappresentazioni teatrali, balletti e spettacoli, oltre che illustrazioni d’importanti riviste dell’epoca, come la satirica "Le Rire".

E dal 21 ottobre 2016 al 5 marzo 2017, una grande mostra a Palazzo Chiablese, del conte Henri-Marie-Raymond de Toulouse-Lautrec-Montfa espone manifesti, illustrazioni, copertine di spartiti e locandine (alcune delle quali autentiche rarità stampate in tirature limitate, firmate e numerate, con dedica dell’artista) e ne ripercorre la vita dal 1891 al 1900, poco prima della sua morte, avvenuta a soli 36 anni per alcoolismo (secondo alcune fonti) o per sifilide (secondo altre). Un bohémien "a tutto tondo" ... 

Toulouse Lautrec. La Belle Époque
22 ottobre 2016 - 5 marzo 2017
Palazzo Chiablese, Torino, Piazza S. Giovanni, 2

© Riproduzione Riservata

Commenti