Rita Fenini

-

Dal 6 all’ 8 aprile, la storica sede ferrarese di "Restauro" riapre le porte con un nuovo, emblematico sottotitolo, che diventa manifesto di questa XXIII edizione: Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali.
 
Rispetto agli anni passati, la XXIII Edizione del Salone - inaugurata dal Ministro Dario Franceschini -  ha ampliato ancor di più il suo ricco ventaglio di appuntamenti ed eventi, offrendo al pubblico una vasta scelta di proposte innovative e stimolanti. Saranno ben 280 gli espositori presenti nell’ampia cornice di Ferrara Fiere e nelle tre giornate di manifestazione sono previsti ben 130 tra convegni e seminari e 9 eventi e mostre, che permetteranno ai visitatori di sfruttare a pieno il tempo che dedicheranno all’esperienza del Salone 2016.

Qiest' anno, per la prima volta, sarà presente al Salone la Fondazione Plart, museo privato che presenta una selezione di oggetti di design della collezione permanente e durante la manifestazione verranno riportate testimonianze di restauri eccellenti: tra i protagonisti, alcuni grandi nomi, come  l’Opificio delle Pietre Dure, l’Istituto Centrale per il Restauro e AssorestauroAssociazione italiana per il restauro architettonico, artistico, urbano.

Un appuntamento imperdibile, non solo per gli addetti ai lavori e per gli appassionati d’arte, ma anche per i curiosi e per i numerosissimi sostenitori del nostro invidiabile patrimonio culturale

Ingresso gratuito previa registrazione obbligatoria

Date e Orari: dal 6 all’8 aprile dalle 9.30 alle 18

Ferrara Fiere, Via della Fiera 11


 

© Riproduzione Riservata

Commenti