Rita Fenini

-

Curata da Laura Paola Gnaccolini, la mostra all'Ambrosiana propone una serie di stampe fra le più antiche e misteriose del secondo Quattrocento italiano: 50 incisioni a bulino di altissima qualità, di cui non si conoscono ancora nè l'autore (anche se, per lungo tempo, sono state attribuite al Mantegna) nè luogo e scopo di realizzazione

Quando

La mostra apre al pubblico dal 7 aprile all'1 luglio 2018 nei seguenti giorni e orari
 
Da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 18.00 - Chiuso il lunedì

Dove

Ad ospitare l'esposizione "Ludovico Lazzarelli e i Tarocchi del Mantegna nelle collezioni dell’Ambrosiana", la Veneranda Biblioteca Ambrosiana in piazza Pio XI, 2 a Milano

Perchè è interessante

Nonostante sia definitivamente tramontata l'ipotesi che a realizzare le stampe sia stato Andrea Mantegna, del grande Maestro rinascimentale questo spettacolare corpus di opere continua a conservarne il nome

Composti da 50 stampe incise a bulino di altissimo livello qualitativo, divisi in cinque serie di 10 elementi ciascuna - che raffigurano l’uomo come microcosmo e l’universo come macrocosmo - i cosidetti "Tarocchi del Mantegna" sono caratterizzati da un tratto molto sottile, grande dovizia di particolari e da un raffinatissimo sistema di tratteggio incrociato per sottolineare al meglio le ombreggiature

Il fatto che queste incisioni siano per la maggior parte conservate in esemplari sciolti, in un formato di stampa e con alcuni soggetti simili a quello delle carte da gioco, hanno in passato indotto erroneamente la critica a ritenere che si potesse trattare di un insolito mazzo di tarocchi. 

Gli esemplari conservati in Ambrosiana sono impreziositi da diversi particolari realizzati in oro in foglia e dall’utilizzo di lumeggiature dorate, in alcuni casi ancora apprezzabili.

Per consentire al visitatore di apprezzare appieno la forma originale di questa raccolta di capolavori (che originariamente si presentavano non singolarmente ma rilegati all’interno di libri), lungo il percorso espositivo è stata installata una postazione multimediale che mostra, in digitale, l’esemplare conservato nella Pinacoteca Malaspina di Pavia.

Esposto in mostra anche il manoscritto del "Crater Hermetis", dell’umanista marchigiano Ludovico Lazzarelli, che utilizzò alcune sequenze dei “Tarocchi” come fonte di ispirazione per comporre un poemetto didascalico-enciclopedico in distici elegiaci ("De deorum gentilium imaginibus"), in cui si nota una perfetta corrispondenza tra il testo poetico e le immagini delle incisioni.






© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Canaletto: Roma celebra il grande pittore veneziano

A 250 anni dalla morte, al Museo di Palazzo Braschi il più grande nucleo di opere dell'artista mai esposto in Italia. Fino al 19 agosto 2018

William Turner al Chiostro del Bramante

Per la prima volta a Roma, una raccolta di opere del celebre artista inglese conservate presso la Tate Britain di Londra. Fino al 26 agosto 2018

"Fotografia Europea 2018" a Reggio Emilia

Dal 20 aprile al 17 giugno 2018, la tredicesima edizione: quest'anno il tema è “Rivoluzioni – Ribellioni, cambiamenti, utopie”

Commenti