Smok-ink, arte e nicotina per smettere di fumare

Inchiostro prodotto con la nicotina per un'installazione che porta le persone nei propri polmoni devastati dal fumo

Stefania Medetti

-
 

L’invito è noto, il mezzo invece è una prima assoluta ed è di scena a Milano, dove il 10 aprile è stata inaugurata Smok-Ink. La mostra mette in  guardia sui rischi del fumo e lo fa con una virata artistica. Ospitata presso la sede della creative factory First Floor Under, Smok-Ink utilizza l’inchiostro prodotto con le sostanze nocive delle sigarette  per un’installazione che porta le persone all’interno dei propri  polmoni. L’invito a difesa della salute è stato rappresentato su una tela da 60 metri quadri, con il linguaggio ricco di citazioni artistiche tipico della street art.

Ozmo, il più noto street artist italiano, ha  prestato la propria mano a un’operazione di sensibilizzazione ideata da  Moreno De Turco e Mirco Pagano, creativi di TBWAItalia. Sono state necessarie oltre quattromila sigarette, “fumate” da una speciale  macchina per estrarre l’inchiostro, perchè numeri, immagini e parole  potessero raccontare cosa succede ai polmoni di un fumatore. Dietro le quinte dell’iniziativa, gratuita e aperta a tutti, ci sono Humanitas Cancer Center, centro specialistico dell’Istituto Clinico Humanitas e  Fondazione Humanitas che hanno fornito il contenuto scientifico sui cui  ha lavorato il team creativo. La direzione artistica è di Francesco Guerrera e Nicola Lampugnani, direttori creativi esecutivi di  TBWAItalia.

La mostra è aperta al pubblico fino al 19 aprile dalle ore 10.00 alle ore 18.00, esclusi sabato e domenica, presso TBWAItalia via Leto Pomponio 3/5 Milano.

© Riproduzione Riservata

Commenti