Rita Fenini

-

Una serie di girandole di grandi dimensioni (collocate sulla facciata del Gallery Hotel Art di Firenze) che rimandano all’idea del vento e a quella dell’ energia pulita ottenibile sfruttando questo fenomeno atmosferico.

In questo consiste "WOW. La girandola delle energie", il nuovo progetto artistico dell'architetto e designer di fama internazionale Simone D’Auria (realizzato col patrocinio del Comune di Firenze, col contributo di Leica e di IRE-OMBA), un’opera che unisce ironia e sensibilizzazione sociale comunicati con un linguaggio semplice e diretto, e che vuole stimolare i passanti a utilizzare in modo consapevole le energie rinnovabili e sostenibili.

Rosso, il codice colore che accompagna l’intera iniziativa e che rappresenta una delle cifre stilistiche di tutti gli interventi di Simone D’Auria (dalle biciclette giganti del 2013 ai manichini bianchi con teste di animali del 2013 ai celebri ed enormi cucchiai "Bruno Spoon" del 2015) per Lungarno Collection

L’iniziativa, giunta alla sua quarta edizione e che rientra nel progetto di riqualificazione di Vicolo dell’Oro iniziato nel 2013 dalla Lungarno Collection (società di gestione alberghiera di proprietà della famiglia Ferragamo) propone un percorso che unisce il fronte esterno dell’hotel e tutta l’area urbana circostante: all’esterno, girandole giganti richiamano a ripensare a un utilizzo più consapevole delle energie rinnovabili e sostenibili; all’interno, una retrospettiva con fotografie e oggetti d’autore dell’artista milanese.

Il progetto si completa, nella piazza di Vicolo dell’Oro, con due enormi vasi dai quali spuntano come piante altrettante girandole e una grande scritta "WOW" tridimensionale di colore rosso per simulare l’esclamazione di felicità e di stupore che coglierà lo spettatore davanti all’opera e, contemporaneamente, rafforzarne la presa di coscienza verso un tema così importante e decisivo per il futuro del pianeta.

WOW LA GIRANDOLA DELLE ENERGIE
Firenze, Gallery Hotel Art (vicolo dell'Oro, 5)
22 giugno - 31 dicembre 2016

© Riproduzione Riservata

Commenti