Rita Fenini

-

Conosciuto per avere definito un nuovo concetto di scultura legato alla processualità, alla trasformazione e al movimento, l' artista svizzero Roman Signer crea installazioni come azioni, esperimenti, quasi sempre solitari, per i quali utilizza oggetti d’uso comune (ombrelli, tavoli, stivali, contenitori, cappelli, biciclette) attivati da polveri da sparo o da forze naturali, come il vento o l’acqua. Processi di esplosione o di collisione che si tramutano in esperienze estetiche visivamente ed emotivamente coinvolgenti e che interpretano l’approccio empirico come una questione artistica.

Il progetto al MAN di Nuoro si divide in due segmenti:il primo, nato dalla collaborazione con il Chronos Art Center di Shanghai, presenta l’ intera produzione di filmati in Super 8 realizzati dall’artista nel corso della propria attività; il secondo, creato appositamente per la mostra, presenta tre nuovi lavori scultorei, connotati come sempre da un’ ironia sottile. Tra le nuove produzioni, Ombrelli (2016), Installazione (2016), Occhiali (2016)

La mostra è a cura di Lorenzo Giusti e Li Zhenhua



Roman Signer
Films and Installations

22 aprile – 3 luglio 2016

MAN_Museo d’Arte Provincia di Nuoro

Via Sebastiano Satta, 27 - Nuoro -

Ufficio stampa - Studio ESSECI -

© Riproduzione Riservata

Commenti