Pronti a volare nel cielo di Milano?

Una performance artistica dell'Istituto cinematografico Michelangelo Antonioni: il 19, 25 e 26 luglio in cima al grattacielo della Regione Lombardia

ITALY-MILAN-EXPO-2015

La sede della Regione Lombardia – Credits: GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images

Maurizio Tortorella

-

È dal 1951, dai tempi di Miracolo a Milano (il film di Vittorio De Sica, a sua volta tratto da un romanzo di Cesare Zavattini) che non si vola nei cieli della città. Ma domenica 19 e domenica 26 luglio dalle 10 alle 18, così come sabato 25 luglio, dalle 10 alle 14, a Milano si riprenderà a volare.

Chi vorrà farlo, in quei tre giorni potrà camminare su una passerella di metallo larga 14 cm, posta a circa 2,5 metri di altezza al di sopra del 39° piano del grattacielo Palazzo Lombardia: il punto più alto della città. La sensazione sarà quella di librarsi nel vuoto. Naturalmente tutto verrà fatto nella massima sicurezza e ogni partecipante verrà imbragato da una esperta guida alpina.

Lo spettatore diventerà insomma protagonista di un’azione artistica ideata tra le mura dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni di Busto Arsizio. E chi parteciperà diverrà anche un po' artista, partecipando a una performance collettiva.

La finalità dell'iniziativa, del tutto simbolica, è infatti quella di trasportare un chicco di riso da una parte all’altra della passerella, e di poggiarlo sul piatto di una bilancia. L'idea, collegata al significato di Expo 2015, è che ognuno dovrebbe cercare di porre un limite al problema alimentare del pianeta. Certo: tutti sono capaci di trasportare un chicco per pochi metri, ma al 39° piano del grattacielo si verrà posti in una condizione particolare, in un’evidente sfida con se stessi, con le proprie paure.

La visita si svolgerà così: i visitatori arriveranno in ascensore in cima al grattacielo e vedranno su uno schermo il video La sfida estrema del 2014: il protagonista è l’atleta
austriaco Mich Kemeter, che attraversa uno spazio di oltre 80 metri tra due ciminiere tenendosi in equilibrio su una sottile striscia.

Se ci saranno le giuste condizioni di illuminazione (il grattacielo ha pareti esterne di vetro a 360°), un telecamera dotata di uno speciale software trasformerà la camminata nella stanza in una passeggiata nei cieli di Milano.

Personaggi del mondo dell’arte, della società civile e della cultura hanno già annunciato che attraverseranno la passerella per mettersi in gioco e per lanciare una sfida allo spreco alimentare.

La performance sulla passerella va rigorosamente prenotata in anticipo: per farlo, e per ottenere maggiori informazioni, scrivere all’indirizzo assprocinema@gmail.com.
L’accesso senza performance è invece libero.

© Riproduzione Riservata

Commenti