Pritzker Architecture 2013: a Toyo Ito il "Nobel per l'Architettura"

Ecco le opere dell'architetto giapponese, premiato per "la sensibilità verso il paesaggio, la capacità di infondere il suo approccio con una dimensione spirituale e per la poetica che trascende tutto il suo lavoro"

Rita Fenini

-
 

È stato vinto dall'architetto giapponese Toyo Ito, 71 anni, il Pritzker Architecture 2013, il ''Nobel dell'architettura" 2013. "L'architettura è legata a diversi vincoli sociali" ha detto Ito quando ha saputo della vittoria.

Toyo Ito, classe 1941, è il sesto del suo Paese a vincere l’equivalente del Nobel per l'Architettura, prima di lui Kenzo Tange nel 1987, Fumihiko Maki nel 1993, Tadao Ando nel 1995 e SANAA – Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa - nel 2010.

La giuria, composta da Lord Peter Palumbo, Alejandro Aravena, Stephen Breyer, Yung Ho Chang, Glenn Murcutt, Juhani Pallasmaa e Martha Thorne, lo ha scelto per "la sensibilità verso il paesaggio, la capacità di infondere il suo approccio con una dimensione spirituale e per la poetica che trascende tutto il suo lavoro. Toyo Ito è un creatore di edifici senza tempo che, allo stesso tempo, coraggiosamente traccia nuove strade. I suoi progetti sono una ventata di ottimismo, leggerezza e gioia e infondono un senso di unicità e universalità". Sono sue alcune delle pietre miliari dell’architettura contemporanea.

© Riproduzione Riservata

Commenti