Rita Fenini

-

Si deve a Serena Padovani, già direttrice della Galleria Palatina di Firenze, l’ idea di proporre una mostra dedicata a Piero di Cosimo, pittore del Rinascimento fiorentino originale, fantasioso, straordinario narratore di favole, ma la cui notorietà, al di fuori del ristretto mondo degli storici d’arte e dei collezionisti, non ha mai, ingiustamente, raggiunto quella di maestri suoi contemporanei, come Filippino Lippi o Fra' Bartolomeo.

La mostra fiorentina ricostruisce il percorso artistico di Piero di Cosimo, a partire dalla formazione nella bottega di Cosimo Rosselli (maestro dal quale derivò fra l’altro il nome con cui divenne noto, seppure il suo vero nome fosse Piero di Lorenzo) agli incontri determinanti con l’ arte di Leonardo da Vinci, dei pittori fiamminghi e, più in generale, della storia fiorentina del Rinascimento: le opere di Piero di Cosimo ci introducono infatti anche al mondo colto e raffinato dei suoi committenti, i Del Pugliese, gli Strozzi, i Vespucci, che commissionarono cicli pittorici di tema mitologico per le loro dimore,  nei quali il pittore raggiunge i vertici più alti nell’abilità narrativa, nella ricchezza dei dettagli, nella varietà di figure, costumi e scenari.

La mostra è curata da Serena Padovani, Elena Capretti, Anna Forlani Tempesti e Daniela Parenti. Promotori dell'evento espositivo il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con il Segretariato regionale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo della Toscana, la Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria degli Uffizi e Firenze Musei.

Piero di Cosimo 1462 - 1522
Pittore eccentrico fra Rinascimento e Maniera
   
Galleria degli Uffizi

23 giugno - 27 settembre 2015
    




© Riproduzione Riservata

Commenti