Se il 2017 si è chiuso con un vero e proprio boom di visitatori e incassi per i musei italiani e con alcune grandi mostre ancora in corso (Van Gogh alla Basilica Palladiana di Vicenza e Caravaggio a Palazzo Reale di Milano, per esempio), il calendario artistico del 2018 si prospetta altrettanto ricco, variegato e interessante, con esposizioni che spaziano dalle grande arte di Picasso, Magritte e Michelangelo (tanto per citarne alcuni) alla musica e alla fotografia.

Da Milano a Palermo, passando per Venezia, Firenze e Roma, ecco l’elenco delle mostre assolutamente da non perdere nel 2018

Carlo Mollino al Centro Italiano per la Fotografia di Torino

Tra i più noti e celebrati architetti del Novecento, Carlo Mollino ha da sempre riservato alla fotografia un ruolo privilegiato. Questa esposizione, la più grande e completa mai realizzata sul tema, indaga il suo rapporto con la fotografia, attingendo anche al corpus di immagini conservate dall’archivio del Politecnico di Torino.

L’occhio magico di CARLO MOLLINO. Fotografie 1934-1973
Torino, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
18 Gennaio 2018 - 13 Maggio  2018

I Pink Floyd al MACRO di Roma

Subito dopo lo straordinario successo al Victoria and Albert Museum di Londra, approda a Roma, al MACRO, il viaggio immersivo, multisensoriale e teatrale attraverso lo straordinario mondo della band di David Gilmour, Roger Waters, Nick Mason, Rick Wright e Syd Barrett.

The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains
Roma, MACRO
19 Gennaio 2018 - 01 Luglio  2018

Picasso, De Chirico, Morandi a Palazzo Martinengo di Brescia

Una mostra che trasformerà Palazzo Martinengo nel “tempio del collezionismo privato bresciano”, presentando opere provenienti dalle più prestigiose raccolte private della città e della provincia, dal futurismo alla metafisica, dal “Ritorno all'ordine” fino all'Arte informale.
Sarà esposto al pubblico, per la prima volta in assoluto, un capolavoro inedito di Pablo Picasso. Si tratta di Natura morta con testa di toro, un olio su tela, dipinto dal genio spagnolo nel 1942.

Picasso, De Chirico, Morandi, 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane
Brescia, Palazzo Martinengo
20 Gennaio 2018 - 10 Giugno 2018

Frida Kalho al Mudec di Milano

Artista icona, la mostra al Mudec dedicata a Frida Kalho sarà sicuramente una delle esposizioni più "gettonate" del 2018. Oltre 100 le opere esposte, provenienti dalle due più importanti e ampie collezioni di Frida Kahlo al mondo, Olmedo e Gelman, da musei internazionali e da Casa Azul, la dimora messicana di Frida Kahlo e Diego Rivera.

Frida Kalho – Oltre il mito
Mudec – Museo delle Culture
1 febbraio 2018 – 3 giugno 2018

Steve McCurry alle Scuderie del Castello Visconteo di Pavia

In mostra oltre 100 scatti che documentano quanto di meglio l’artista americano ha realizzato in quarant’anni di attività.
Un’esposizione che conduce i visitatori in un viaggio simbolico nel complesso universo di esperienze e di emozioni che caratterizza le immagini di McCurry e che tocca paesi come l’India, l’Afghanistan, la Birmania, il Giappone, Cuba, il Brasile. In mostra anche il ritratto di Sharbat Gula, la ragazza afghana che McCurry ha fotografato nel campo profughi di Peshawar in Pakistan e che, con i suoi grandi occhi verdi, è diventata un’icona assoluta della fotografia mondiale.

Steve McCurry. Icons
Pavia, Scuderie del Castello Visconteo
3 febbraio 2018 – 3 giugno 2018

Dal Rinascimento al Manierismo ai Musei di San Domenico di Forlì

Una mostra "sontuosa", che illustra uno dei momenti più alti e affascinanti della storia occidentale. Gli anni che idealmente intercorrono tra il Sacco di Roma (1527) e la morte di Caravaggio (1610); tra l’avvio della Riforma protestante (1517-1520) e il Concilio di Trento (1545-1563); tra il Giudizio universale di Michelangelo (1541) e il Sidereus Nuncius di Galileo (1610) rappresentano l’avvio della nostra modernità.

L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio
Forlì, Musei di San Domenico
3 febbraio 2018 – 3 giugno 2018

Albrecht Dürer a Palazzo Reale di Milano

La prima, importantissima mostra che Milano dedica all'indiscusso protagonista del Rinascimento tedesco, artista che seppe coniugare la grazia artistica rinascimentale con le moderne ricerche scientifiche e matematiche. Un percorso espositivo ricchissimo, che mette in evidenza i rapporti tra la sua opera e quella di grandi maestri suoi contemporanei, tra cui, Cranach, Giorgione e Lorenzo Lotto

Albrecht Dürer e il Rinascimento tra la Germania e l’Italia
Palazzo Reale, Milano
21 febbraio – 24 giugno 2018

Rodin al Museo di Santa Caterina di Treviso

In Santa Caterina, che per l’occasione inaugurerà gli spazi integralmente restaurati della sala ipogea, saranno riunite oltre una settantina di opere (ampia rassegna 50 sculture e 25 opere su carta) – compresi i capolavori fondamentali – di Auguste Rodin. In un opportuno confronto tra sculture, anche di grandi dimensioni, e disegni. Perché, com’è noto, Rodin iniziò il suo percorso artistico frequentando la Petite Ècole, dove studiò soprattutto il disegno, avvicinandosi poi alla scultura.

Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet
Treviso, Museo di Santa Caterina
24 Febbraio 2018 - 3 Giugno 2018

Arte e psiche tra Previati e Boccioni a Palazzo dei Diamanti di Ferrara

La mostra in programma a Palazzo dei Diamanti si propone di posare uno sguardo nuovo sull’arte italiana di fine Ottocento. Nella rassegna verrà infatti indagata per la prima volta la poetica degli stati d’animo e con essa uno dei fondamentali apporti del nostro paese all’arte moderna. Opere manifesto, quali "Ave Maria a trasbordo" di Giovanni Segantini, la "Maternità" di Gaetano Previati, il "trittico degli Stati d’animo" di Umberto Boccioni e altri importanti capolavori dell’arte italiana e internazionale tra Otto e Novecento, condurranno i visitatori in un viaggio nei territori dello spirito

Stati d'animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni
Ferrara, Palazzo dei Diamanti
3 Marzo 2018 - 10 Giugno 2018

Antonio Ligabue a Palazzo Ducale di Genova

L’intera carriera dell’artista, dalla fine degli anni Venti al 1962, è il fil rouge che accompagna la mostra dedicata ad Antonio Ligabue in programma a Palazzo Ducale di Genova. Un percorso espositivo di 80 opere, tra dipinti, sculture, disegni e incisioni del pittore - provenienti da collezioni private, da raccolte pubbliche e da fondazioni bancarie - che abbracciano l’universo creativo del maestro, teso tra due poli principali: gli animali e gli autoritratti.

Antonio Ligabue
Genova, Palazzo Ducale
3 Marzo 2018 - 1 Luglio 2018

Capolavori dal Philadelphia Museum a Palazzo Reale di Milano

Una straordinaria selezione di opere d'arte dei grandi maestri Europei provenienti dal Museo di Belle Arti di Philadelphia, uno dei musei più grandi e prestigiosi degli Stati Uniti. Tra i prestiti più importanti, da segnalare i capolavori dell'Impressionismo, con opere di Renoir e di Monet, opere d'avanguardia come quelle di Paul Cézanne e Henri Matisse, fino a giungere a Pablo Picasso e Paul Klee, veri e propri tesori artistici e grande vanto del museo americano

Capolavori dal Philadelphia Museum of Art
Palazzo Reale, Milano
8 marzo 2018 – 3 settembre 2018

Giovanni Boldini alla GAM di Milano

Una selezione di 30 opere, tra dipinti, disegni e pastelli, concessi straordinariamente in prestito dal Museo Giovanni Boldini di Ferrara e in dialogo con le opere della GAM di Boldini e di Paul Helleu, suo amico ed emulo e come lui protagonista della Belle Epoque parigina.
La mostra intende presentare l’elaborazione da parte di Boldini di uno stile moderno, personale e ricercatissimo dalla committenza internazionale, nella definizione del ritratto femminile mondano e aristocratico, con una serie di opere risalenti al primo ventennio del Novecento.

Boldini. Ritratto di signora
GAM – Galleria d’Arte Moderna, Milano
16 marzo – 17 giugno 2018

Utagawa Hiroshige alle Scuderie del Quirinale di Roma

Una selezione di circa 230 opere dalle più importanti serie di Hiroshige quali "Cento vedute della Capitale di Edo" e "Cinquantatre Stazioni di posta del Tokaido”, ma anche immagini di animali, fiori e insetti tra le più ammirate, oltre a disegni originali e matrici di stampa ancora intatte, costituiscono il corpus del percorso di mostra proposto per questa grande rassegna monografica.

Utagawa Hiroshige
Scuderie del Quirinale, Roma
Marzo 2018

Peggy Guggenheim alla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia

Il 2018 segna il 70° anniversario dell’esposizione della collezione di Peggy Guggenheim all’interno delle sale del Padiglione Greco alla XXIV Biennale di Venezia. La prima volta in assoluto che la collezione della mecenate veniva esposta in Europa. Nelle Project Rooms del museo viene ricreato l’ambiente del Padiglione, allestito in quell’occasione dal celebre architetto veneziano Carlo Scarpa.

1948: la Biennale di Peggy Guggenheim 
Collezione Peggy Guggenheim, Venezia
25 Maggio 2018 - 25 Novembre 2018

Paul Klee al Mudec di Milano

Una mostra che vuole sottolineare un aspetto inedito dell’opera di Paul Klee, con l’obiettivo di posizionare l’attività dell’artista all’interno del fermento primitivista che scorre per l’Europa agli inizi del XX secolo. Un percorso espositivo in cui, accanto ad una selezione specifica di oli, tempere, acquarelli e disegni di Paul Klee, vengono posti in modo ben preciso oggetti dell’antichità classica, manufatti etnografici della collezione del Mudec, riviste e documenti d’epoca legati alla formazione di Klee.

Paul Klee e il Primitivismo
Mudec- Museo delle Culture, Milano
26 settembre 2018 – 27 gennaio 2019

Carlo Carrà a Palazzo Reale di Milano

A trent’anni dall’ultima rassegna dedicatagli a Palazzo Reale, la mostra ripercorre l’intero percorso artistico del Maestro attraverso le sue opere più significative: dalle prove divisioniste ai grandi capolavori che ne fanno uno dei maggiori esponenti del Futurismo e della Metafisica, ai dipinti ascrivibili ai ‘valori plastici’, ai paesaggi e alle nature morte che attestano il suo ritorno alla realtà dagli anni Venti, non senza trascurare le grandi composizioni di figura risalenti agli anni Trenta.

Carlo Carrà
Palazzo Reale, Milano
4 ottobre 2018 – 3 febbraio 2019

Picasso a Palazzo Reale di Milano

Divisa in cinque sezioni, la mostra ospita circa 350 opere fra i più grandi capolavori del Museo Picasso, comparati a importanti pezzi d’antiquariato e ad opere che si rifanno ai canoni della bellezza classica. Un percorso espositivo sui temi più cari al genio catalano: la violenza della guerra e quella della corrida, la fantasia sfrenata,l’erotismo

Picasso e il mito
Palazzo Reale, Milano
18 ottobre 2018 – 17 febbraio 2019

Magritte e il Surrealismo a Pisa

In mostra a Pisa il grande Surrealismo attraverso i capolavori dei maestri che ne hanno fatto la storia: Dalì, Ernst, Duchamp, Giacometti, ma più di ogni altro Magritte.
Considerato il maggior esponente del movimento insieme a Paul Delvaux, René Magritte ha incentrato la sua tecnica unica e intrigante sulla capacità di insinuare il dubbio nello sguardo dello spettatore, giocando con il limite tra reale e non reale.
Grazie alla straordinaria collaborazione con Il Centre national d’art et de culture Georges-Pompidou di Parigi, l’esposizione ripercorrerà gli avvenimenti che hanno segnato l’evolversi del Surrealismo attraverso circa cento capolavori realizzati dal maestro belga e dei suoi compagni di viaggio.

Magritte e il Surrealismo
Palazzo Blu, Pisa
Ottobre 2018

Antonello Da Messina a Palermo

La mostra intende sondare l’arte di Antonello da Messina sullo sfondo di quella del suo tempo, iniziando dalle sue relazioni con la cultura mediterranea e il mondo nordico, fiammingo in particolare, per evidenziare poi l’influenza da lui esercitata sulla pittura del Nord Italia, in particolare in Veneto e in Lombardia, a partire dal suo soggiorno veneziano.

Gli straordinari capolavori presenti permetteranno al contempo di effettuare un'ampia riflessione sulle tappe della formazione dell’artista in quel grande crogiolo artistico che è stato un tempo il bacino del Mediterraneo, consentendo ora di esaminare sotto una nuova luce l’arte del più enigmatico tra gli artisti del suo tempo.

Antonello Da Messina
Museo Archeologico Regionale Antonio Salinas, Palermo
Ottobre 2018

Leonardo da Vinci alla Galleria degli Uffizi di Firenze 

Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci sarà esposto  nella Galleria degli Uffizi a Firenze come anteprima delle celebrazioni leonardiane che si svolgeranno nel 2019 in occasione dei 500 anni della morte del maestro del Rinascimento. A cura di Paolo Galluzzi, la mostra permette di vedere il Codice acquistato da Bill Gates dal miliardario Armand Hammer nel 1994. I 72 fogli del Codice saranno collocati nell’Aula Magliabechiana degli Uffizi. Grazie ad un innovativo sussidio multimediale, il Codescope, il visitatore potrà sfogliare i singoli fogli sugli schermi digitali, accedere alla trascrizione dei testi, e ricevere molteplici informazioni sui temi trattati. Saranno esposti anche alcuni spettacolari disegni originali di Leonard.

Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci. L’Acqua Microscopio della Natura 
Firenze, Galleria degli Uffizi 
29 Ottobre 2018 - 20 Gennaio  2019





© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti