Mostra e asta benefica al Museo della Scienza e della Tecnologia

Dal 5 al 9 febbraio, al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, in mostra i lavori dei bambini delle scuole milanesi realizzati, a scopo benefico, insieme ad artisti e designer

Rita Fenini

-
 

Un’asta benefica e una mostra nei prestigiosi spazi del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia. È la nuova iniziativa di Pinksie the Whale, società fondata a Londra nel 2012 da un gruppo di donne che si propone di coinvolgere bambini, artisti e istituzioni museali per riportare  la creatività nelle scuole, di celebrare il valore delle differenze e di stimolare la sensibilità del bambino nell’aiuto del prossimo. In  questa occasione Pinksie aiuta i bambini dell’Associazione CAF Onlus Milano, l’associazione che da trentacinque anni si dedica all’accoglienza e alla cura di minori vittime di maltrattamento e abuso. Le opere dei bambini delle scuole milanesi, create durante i laboratori che Pinksie ha organizzato con la collaborazione di importanti artisti italiani e internazionali, unitamente ad alcune loro opere personali, verranno battute all’asta da Filippo Lotti, Amministratore Delegato di Sotheby’s Italia. La mostra, ispirata alle avventure dell’intrepida balena rosa Pinksie, celebra il tema della differenza come valore e caratteristica positiva, ed esalta le forme dell’espressività artistica come modo per esprimere prima di tutto sé stessi, a qualunque età. Al progetto hanno partecipato più di 30 artisti tra cui Maria Mulas, Matteo Ragni, Matteo Pugliese, Alessandro Busci, Francesco e Luca Pignatelli, Kazuio Komoda, Minjung Kim, Alfredo Rapetti Mogol, Letizia Carriello, Giulio Iacchetti; e i bambini delle scuole A. Diaz, E. De Marchi, International Andersen School e Sir James Henderson School. L’appuntamento è per il 4 febbraio a partire dalle ore 18.00 all’interno dello Spazio Olona del Museo. La mostra sarà aperta al pubblico da mercoledì 5 a domenica 9 febbraio con orario continuato dalle 10.00 alle 19.00. Ingresso gratuito da via Olona, 6 oppure incluso nel biglietto del Museo con ingresso da via San Vittore 21.

© Riproduzione Riservata

Commenti