Quattro artisti, quattro “transformer” legati dalla cultura del design saranno i protagonisti della mostra "Transformers” al MAXXI di Roma dall'11 novembre 2015 al 27 marzo 2016.
Nella decostruzione dei confini fra arte e design ci saranno: il coreano Choi Jeong-hwa, l’italiano Martino Gamper, che vive a Londra, il franco-portoghese Didier Fiuza Fustino e il messicano Pedro Reyes.
Il loro intento sarà quello di trasformare il quotidiano in fantasioso e viceversa, il basso in alto, il vecchio in nuovo, il banale in straordinario, il noioso in divertente, il triste in gioioso e il vizio in virtù, creando così nuove realtà più aperte.
Arte e design sono legate tra loro da una relazione e una tensione intima, vivono in un processo di reciproco stimolo, articolandosi una nell’altro per creare soluzioni, per esprimere fantasie intellettuali e ingegno quotidiano, per rispondere con l’utopia alla quotidianità.
Un processo creativo come atto di resistenza e di proposta per una società migliore.


Il progetto si configura dunque come un’operazione critica: nel lavoro di Choi Jeong-hwa, Didier Fiuza Faustino, Martino Gamper e Pedro Reyes emerge la creatività più attuale nel suo impegno sociale, politico in un mondo in rapida trasformazione, un mondo globalizzato, segnato da conflitti economici, geopolitici e culturali.


MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Roma (dall' 11 Novembre 2015 al 27 Marzo 2016)

CURATORI: Hou Hanru

Costo del biglietto: intero € 10, ridotto € 8/ € 4

Per informazioni: +39 06 3201954 oppure info@fondazionemaxxi.it

http://www.fondazionemaxxi.it

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il Maxxi sorgerà anche a L'Aquila

Lo ha comunicato il ministro Franceschini. La sede sarà Palazzo Ardinghelli. Ospiterà poche ma importanti opere frutto di donazioni

Commenti