Mart: La magnifica ossessione

Il Mart celebra i suoi primi dieci anni di vita con una mostra che ridisegna la relazione delle sue collezioni con il pubblico, riflette sul proprio patrimonio e intraprende un modo inedito di osservarlo

Rita Fenini

-
 

Visitabile sino al 16 febbraio, progetto senza precedenti per il Mart, “La magnifica ossessione” è stata definita dal direttore, Cristiana Collu, con un accumulo di aggettivi: “Autodidatta, rabdomante, auto da fé di opere. Succube o protagonista, collezione ricomposta, perturbante e conturbante, maniacale e feticista. Oscuro oggetto del desiderio.

Segreto, condivisione, ebbrezza, festa. Vertigine della mescolanza”. Le quasi 3000 opere raccolte in mostra permettono di esplorare il patrimonio del Mart nella sua integrità ed eterogeneità, secondo un’esperienza che avrà un impatto sul pubblico di inedita e inaspettata potenza."La magnifica ossessione" rivendica una visione radicalmente libera dei piani temporali: il visitatore incontra un percorso che è sì cronologico, ma che procede in realtà per forti slittamenti tematici, un percorso in cui le opere sono disposte senza gerarchie visive, mischiando le collezioni ed esaltando le differenze tra le categorie.

“La magnifica ossessione”

Sino al 16 febbraio 2014

Mart - Corso Bettini 43
38068 Rovereto (TN)
 

© Riproduzione Riservata

Commenti