Rita Fenini

-

Nata come imitazione della gioielleria, democratica perchè alla portata di tutti, originale per l’ ampia gamma dei materiali impiegati, raffinata per la grande abilità artigiana, la bigiotteria in Italia raggiunse livelli prestigiosi anche grazie alla scoperta del "placcato oro", inventato da Giulio Galluzzi a Casalmaggiore, in provincia di Cremona, addirittura nel 1882.

Ed è il bijou il protagonista di "L'Oro Matto e il gioiello-fantasia nella prima metà del Novecento", (Pad.4) la collaterale che aprirà la prossima edizione di Mercanteinfiera (25 febbraio - 5 marzo 2017) alle Fiere di Parma: un viaggio nella creatività e nel design che si inserisce all’ interno del noto appuntamento internazionale di antiquariato, design e collezionismo vintage.

Oltre 100 pezzi realizzati in "placcato oro", in leghe metalliche, materiali plastici, paste di vetro, finto corallo, finti rubini, finti diamanti. Tutto finto. A brillare sono la precisione dell’ esecuzione e la fantasia degli accostamenti. Un intreccio di stili e tecniche in un percorso in bilico tra moda, arte e design, che oltrepassa i confini dell’ estetica restituendo, anche attraverso immagini e documenti dell’epoca, 60 anni di storia d’ Italia.

L’ esposizione, realizzata in collaborazione con il Museo del Bijou di Casalmaggiore (unico museo italiano dedicato alla bigiotteria), è curata da Bianca Cappello (storica e critica del gioiello) e da Letizia Frigerio, Direttrice del Museo.


Mercanteinfiera

Fiere di Parma
apertura da sabato 25 febbraio a domenica 5 marzo, tutti i giorni dalle 10 alle 19
ingresso - Euro 10 / Euro 8 ( acquisto on line)

© Riproduzione Riservata

Commenti