Rita Fenini

-

In occasione Art City 2017, la galleria ONO arte contemporanea di Bologna presenta "L’ Urlo prima di Munch" una doppia personale di Duilio Forte e Giorgia Marras che indaga la figura e l’ opera di Edvard Munch, uno dei maestri indiscussi dell’ arte moderna.

L’ istallazione "site specific" realizzata da Duilio Forte ricostruisce lo studio di Munch immaginandolo durante il periodo di realizzazione de "L’Urlo": "Finis Extra" - questo il nome dell’istallazione - esplora il tema del confine nel rapporto con il mondo visionario di Edward Munch. Rappresenta l’interno di una casa, la casa di Munch. La casa ha tre finestre. Ogni finestra è uno sguardo sul mondo dell’ artista. Al centro della casa è posizionata l’opera “URSUS Cinematicus”, un micro-cinema attivabile dal visitatore che proietta il Film corto “URSUS in love”. Il film riflette sui temi della sfida e della paura attraverso una partita a scacchi. Ogni interno ha un esterno, ed è a sua volta anche esterno per un interno più profondo. Lo spazio interno e lo spazio esterno convivono come due realtà parallele compresenti, come il mondo interiore delle emozioni popola le opere di Munch.

Giorgia Marras ripercorre invece l’ inizio della vita e della carriera di Munch attraverso la graphic novel “Munch before Munch”. Una macchiolina bianca. L'irrispettoso ricordo lasciato cadere da un uccellino sulla tela dell'Urlo. È il frutto della "hestekur", la cura da cavallo che un uomo in cappotto nero decide di somministrare ai suoi dipinti, esponendoli alla neve, al vento, alla luna, agli insetti.

Assieme, il lavoro di Forte e quello di Marras ci offrono un’ incursione nella vita profonda di Munch - quello più remoto e meno conosciuto - sotto forma di immagini e scultura.


“Munch before Munch”.
26 gennaio – 26 febbraio 2017
ONO arte contemporanea
Via Santa Margherita, 10 - Bologna -

© Riproduzione Riservata

Commenti