Redazione

-

Per celebrare i 150 anni di amicizia con l'Italia, un secolo e mezzo dopo il primo Trattato di amicizia e commercio con il nostro Paese, siglato il 25 agosto 1886, il Giappone presenta una serie di grandi mostre, perfomance teatrali e musicali, spettacoli di danza, rassegne cinematografiche ed eventi di architettura, design, fumetto, sport e cucina

Nel vasto programma delle manifestazioni in calendario - in continuo aggiornamento, è disponibile a questo indirizzo - troviamo: 

-  A Palazzo Reale di Milano, da settembre 2016 a gennaio 2017, la mostra sui tre grandi artisti dell'ukiyoe, Hokusai, Hiroshige e Utamaro: una selezione di oltre 200 xilografie e libri illustrati tra cui l'iconica Grande Onda e la serie delle Trentasei vedute del monte Fuji di Hokusai provenienti dalla prestigiosa collezione dell'Honolulu Museum of Art.

- Al Museo dell'Ara Pacis di Roma, da giugno a settembre, una monografica del fotografo Domon Ken, maestro del realismo giapponese che, con oltre 70.000 scatti, dagli anni '20 agli anni '80, ha documentato i mille volti del Giappone, dai bambini di strada al teatro dei burattini, dai villaggi di minatori alle ferite ancora aperte di Hiroshima.

- Alle Scuderie del Quirinale a Roma, dal 29 luglio al 4 settembre, saranno esposti dei veri tesori nazionali risalenti a oltre 1000 anni fa, mai usciti dal Giappone, protagonisti della mostra sui capolavori di scultura buddhista giapponese provenienti dai musei nazionali e da antichi templi.

A presentare la lunghissima lista di iniziative è stato l'ambasciatore del Giappone in Italia, Kazuyoshi Umemoto, che ieri si è espresso così: "I due premier Shinzo Abe e Matteo Renzi hanno fortemente voluto festeggiare quest'anniversario per rafforzare il rapporto di fiducia e scambi tra i nostri due popoli. Abbiamo oltre 40 città gemellate. Anche in Giappone ci saranno tanti eventi dedicati all'Italia". Tra questi, la grande mostra Botticelli e il suo tempo al Metropolitan Art Museum di Tokyo.

© Riproduzione Riservata

Commenti