Arte & Idee

Il teatro oggi? È carbonaro

L’indirizzo viene comunicato solo un paio di giorni prima. E gli spettacoli si svolgono nelle case private. Al via, a Milano, una innovativa rassegna di teatro d’appartamento: Stanze

Stanze: il teatro carbonaro

La compagnia Marcido Marcidorjs

L’indirizzo viene comunicato solo un paio di giorni prima. I nuovi carbonari s’infilano in fretta su per le scale d’una palazzina sui viali di circonvallazione. Oppure sgattaiolano con aria complice all’interno d’un loft dalle parti di corso Lodi. Non si conoscono tra  loro, ma sanno di essere membri d’una setta segreta alimentata dal passaparola. Sono gli spettatori di Stanze , la rassegna di teatro d’appartamento ideata e realizzata a Milano da Alberica Archinto e Rossella Tansini.

Dopo il successo lusinghiero della primavera scorsa, la ripresa autunnale sta confermando l’interesse del pubblico per questa forma di spettacolo conviviale che è anche una sfida per registi ed attori. Ogni replica si svolge infatti in un’abitazione diversa, messa a disposizione da qualche ospite gentile. Questo significa dover modificare di volta in volta la performance a seconda degli spazi disponibili, sempre col fiato dello spettatore sul collo. Ma alla fine tutti i salmi finiscono in salmì, o almeno in salami affettati e altre cibarie annaffiate da un buon bicchiere di vino , con pubblico e teatranti uniti in concorde relax.

 Dopo Eva di Massimo Sgorbani, in cui l’eccellente Federica Fracassi ha dato voce all’amore di Eva Braun  per il Führer fino al suicidio nel bunker, è stata la volta dei Marcido Marcidorjs con il virtuosismo di Maria Luisa Abate in Non io di Samuel Beckett per la regia di Marco Isidori. Il 29 ottobre (con repliche il 2 e il 5 novembre) toccherà a Mario Sala in  Prodigioso delirio , regia di Lorenzo Loris, ispirato al caso freudiano del dottor Schreber.

Oggi il  teatro, con la sua carica di realtà fisica, sembra a molti più autentico della vita virtuale che siamo invitati a vivere. E questo, vi assicuro, è tanto più vero per chi fa l’esperienza «carbonara» del teatro d’appartamento.

Per informazioni
331 4129098
stanze@teatroalkaest.it

Francois-Kahn_emb8.jpg

Francois Kahn in Musica Lontana

© Riproduzione Riservata

Commenti