Il Maxxi sorgerà anche a L'Aquila

Lo ha comunicato il ministro Franceschini. La sede sarà Palazzo Ardinghelli. Ospiterà poche ma importanti opere frutto di donazioni

L'Aquila fantasma – Credits: ANSA/ ENRICA DI BATTISTA

Redazione

-

"A Palazzo Ardinghelli potrà nascere il Maxxi L'Aquila". A dirlo, il ministro dei Beni culturali e del turismo, Dario Franceschini, oggi a margine della presentazione dell'XI Giornata del contemporaneo, in programma domani.

"All'Aquila - dice il ministro - c'è un finanziamento di un milione e mezzo per completare i lavori di Palazzo Ardinghelli, che è stato restaurato con un contributo della Russia. All'origine doveva diventare sede degli uffici del ministero. Invece poi abbiamo valutato che diventerà un museo di arte contemporanea, la cui collezione verrà costruita attraverso donazioni. Visto che il luogo non è grande dovranno essere donazioni importanti, quindi più la qualità che la quantità. Il Museo, stiamo ragionando, potrà essere gestito dal Maxxi e sarà Maxxi L'Aquila".

Un nuovo centro per l'arte contemporanea, aveva detto poco prima il ministro, "contribuirà al processo di rinascita e rivalutazione del centro storico" della città colpita dal sisma. "Chiederemo - aggiunge Franceschini - a grandi artisti internazionali e istituzioni di donare un'opera" per la sua collezione.

© Riproduzione Riservata

Commenti