Arte & Idee

Giorgio Strehler: un uomo per Milano, un teatro per l'Europa

Una mostra che mette in luce l'importante l'eredità lasciata al teatro italiano e alla sua città d'adozione

Strehler e V. Cortese,  Piccolo Teatro 1973-74, foto Luigi Ciminaghi

Rita Fenini

-
 

Da lunedì 15 dicembre 2014 al 31 marzo 2015, negli spazi del CDI (Centro Diagnostico Italiano a Milano), la Fondazione Bracco, in collaborazione con l’ Accademia Teatro alla Scala e il Piccolo Teatro di Milano e con il patrocinio del Dipartimento di Beni culturali e ambientali dell’Università degli Studi di Milano, rende omaggio al regista triestino con la mostra "Giorgio Strehler: un uomo per Milano, un teatro per l’Europa".

L’iniziativa, inserita nel palinsesto “Milano cuore d’Europa” del Comune di Milano, intende mettere in luce l’importante eredità che Strehler ha lasciato al teatro italiano e a Milano, sua città d’adozione, che con lui ha conosciuto una caratura europea e internazionale. La mostra, affidata alla direzione scientifica di Alberto Bentoglio, docente di Storia del teatro e dello spettacolo del Dipartimento di beni culturali e ambientali dell'Università degli Studi di Milano, si articola in un percorso testuale e iconografico diviso in quattro sezioni: "Piacere, Strehler", "La regia all'opera", "Milano, lieta di essere libera nel mondo", "Il teatro come evento totale". Ogni sezione, introdotta da un breve testo esplicativo, si arricchisce di citazioni tratte dagli scritti e dagli interventi di Giorgio Strehler. Splendide e suggestive le immagini che ritraggono il maestro durante le prove in palcoscenico, accanto a quegli attori che ha saputo guidare e valorizzare, regalando al pubblico interpretazioni memorabili che hanno profondamente connotato la scena artistica italiana del secondo Novecento proiettandola in Europa e nel mondo

L’esposizione, al CDI (via Saint Bon 20) fino al 31 marzo 2015, verrà poi ospitata nel Chiostro del Piccolo Teatro di Milano



© Riproduzione Riservata

Commenti