Generazione X, ma siamo tutti una generazione perduta

La tradizione è il vecchio, il palazzo da distruggere. Ma c’è chi guarda al passato senza rancore

di Marco Filoni

"Siete tutti una generazione perduta". Tagliente e marziale, l’affermazione senza scampo di Gertrude Stein è vera. Tanto vera che Ernest Hemingway la volle come epigrafe del suo Il sole sorge ancora. Anche la Generazione X descritta da Douglas Coupland era perduta. Ma perché? Proviamo a spiegarlo con il ricorso alla tradizione. Solitamente pensiamo la tradizione in contrapposizione alla rivoluzione. Tradizione è l’antico, il vecchio, ciò che è passato, a cui ciò che viene poi guarda come il palazzo da distruggere, simbolicamente o meno. Esattamente la stessa attitudine di ogni generazione nei confronti di quella che l’ha preceduta e generata. È la vecchia retorica, ormai cantilena d’ogni dove, dell’uccisione del padre da parte del figlio. E sia.

Eppure, c’è chi guarda alla tradizione senza rancore. Per esempio Georg W.F. Hegel, che pensava che la tradizione innova, a volte radicalmente (come insegnano gli esempi storici di Alessandro, il Cristianesimo, Martin Lutero, la Rivoluzione francese, Napoleone), quindi "rivoluziona", mentre altre volte si spegne come lo sfogliarsi e l’esalarsi della rosa: "Le montagne immutabili non hanno più eccellenza della rosa, che si sfoglia rapidamente nella sua vita e si consuma in profumo", scrive il filosofo tedesco in una sua bella pagina. Perciò ogni generazione non può che esser perduta, perché figlia della tradizione, vogliosa di innovare e rivoluzionare. E non è un processo pacifico. Lo ha descritto, col suo reale cinismo, Sigmund Freud alla vigilia della Prima guerra mondiale: "Proprio l’imperiosità del comando 'non uccidere' ci assicura che discendiamo da una serie lunghissima di generazioni di assassini i quali avevano nel sangue, come forse ancora abbiamo noi stessi, il piacere di uccidere". Parafrasando un vecchio proverbio giapponese, una generazione dura una vita, una buona tradizione dura per sempre.

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Self-generation: io speriamo che me la cavo da solo

Pensieri, paure e filosofia dei giovani che stanno imparando a vivere senza garanzie perché è in crisi il welfare state

Commenti