Sorpresa, è Gaeta la capitale dell'arte

Dopo lunghi e imponenti restauri, la città riapre 10 monumenti per altrettanti percorsi di scoperta

Credits: Getty Images

Antonio Carnevale

-

Città di mare, certo. Ma d’ora innanzi Gaeta dovrà essere contata fra le mete di chi cerca la meraviglia d’Italia anche nell’arte. Dal mito degli argonauti all’Eneide, la gloriosa storia locale non è scritta solo sui libri. Dopo imponenti restauri, riapre infatti in questi giorni una serie notevolissima di monumenti, istituzioni e chiese che restituiscono all’antica città ricchi percorsi di scoperta.

Sul Monte Orlando si tornerà, per esempio, nel mausoleo di Lucio Munazio Planco, generale e console romano che attraversò il Rubicone con Giulio Cesare. Si arriverà, a picco sul mare, nell’ottocentesca edificazione militare della Batteria che domina il golfo. Riapre la Cappella d’oro con la pala d’altare di Scipione Pulzone, originale artista cinquecentesco riscoperto da Federico Zeri alla fine degli anni 50 e di cui dal prossimo giugno la città ospiterà una quarantina di opere, in arrivo anche dal Metropolitan museum di New York. Riaprono la quattrocentesca chiesa di San Domenico; il castello angioino e quello aragonese; il Santuario della santissima Annunziata; la chiesa del santo Rosario e scrigni di capolavori come la Pinacoteca d’arte contemporanea, con opere di Hans Hartung, e il Museo diocesano, con la sua bellissima collezione di argenti antichi e, fra gli altri, i pezzi di Luca Giordano e Sebastiano Conca.

Nel frattempo, almeno fino al 7 aprile, ogni piazza si anima con la maratona d’appuntamenti Vivi l’arte a Gaeta (il programma completo è su Prolocogaeta.it): fra lectio magistralis (come quella di Vittorio Sgarbi sulla rappresentazione del figlio nell’arte), spettacoli teatrali, concerti, reading e incontri con giovani scrittori nei luoghi d’arte della bella «Caieta», adesso da riscoprire anche senza pagare il biglietto (quasi tutti i monumenti sono a ingresso gratuito).

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Commenti