Rita Fenini

-

A Bologna, nella prestigiosa cornice di Palazzo Albergati, sono in mostra (sino al 26 marzo 2017) le opere della Collezione Gelman, una delle più importanti raccolte d’Arte Messicana del XX secolo, in cui primeggiano Frida Kahlo e Diego Rivera, una tra le più famose coppie di artisti del mondo, sia per le loro opere che per la loro infinita, intensa e distruttiva storia d’amore.

Frida Kahlo è stata la più potente biografa di se stessa. Attraverso le sue opere si ripercorre la vita di una donna alla quale non è stato risparmiato alcun dolore: l’incidente che le distrusse la colonna vertebrale, gli aborti, la travagliata storia con Diego, i tradimenti, il supplizio fisico, la morte prematura. Attraversando le sale della mostra, si rivivono con lei emozioni e dolori.

Tra le opere di Frida, sono esposte le iconiche Autoritratto con collana (1933), Autoritratto seduta sul letto (1937), Autoritratto con scimmie (1943), Autoritratto come Tehuana (1943) e quelle indissolubilmente legate al suo amore per Diego, come L’abbraccio amorevole dell’universo, La terra (il Messico), Diego, Io e il signor Xolotl (1949). 

Di Diego Rivera sono presentati alcuni capolavori: il Ritratto di Natasha Gelman, Girasoli, Venditore di calle, tutte tele risalenti al 1943, anno dell’incontro con Frida.

Curata da Gioia Mori, la mostra è patrocinata dal Comune di Bologna ed è prodotta e organizzata da Arthemisia Group. Sponsor dell’iniziativa l’INBA (Instituto Nacional de Bellas Artes). Alla realizzazione della mostra hanno collaborato Mondo Mostre e Skira.

Per volontà dei prestatori e degli organizzatori, una parte del ricavato della mostra andrà a favore dei terremotati del Centro Italia

----------------------

La Collezione Gelman: arte messicana del XX secolo.
Frida Kahlo, Diego Rivera, RufinoTamayo, María Izquierdo, David Alfaro Siqueiros, Ángel Zárraga
19 novembre 2016 - 26 marzo 2017
Palazzo Albergati, Via Saragozza, 28 - Bologna

© Riproduzione Riservata

Commenti