Rita Fenini

-

La mostra presentata in Triennale, dal titolo "Francesco Somaini. Uno scultore per la città. New York 1967-1976", analizza - attraverso 16 sculture, 15 disegni e 14 fotomontaggi, provenienti nella quasi totalità dalle raccolte dell' Archivio Somaini e da collezioni private italiane - il tema del rapporto tra arte e architettura in relazione alla metropoli moderna, nel cui ambito Somaini è in Italia e in Europa un pioniere, sia sotto il profilo teorico che da quello progettuale.

Si tratta di una ricerca  che l’ artista sviluppa a partire dagli anni sessanta, in seguito all' impatto con la cultura e l'architettura newyorkese: la riflessione di Somaini sulla città trova, infatti, ispirazione nello skyline di New York, metropoli assunta a simbolo della modernità, vissuta, studiata e fotografata durante una serie di viaggi di lavoro compiuti negli Stati Uniti. L' artista affida le proprie idee a una raccolta di disegni progettuali e procede in seguito al loro sviluppo a livello plastico, eseguendo la serie di grande forza immaginativa delle "Carnificazioni" (come Sfinge di Manhattan del 1974 e Colosso di New York del 1976), sculture da intendersi anche come modelli di edifici enigmatici, frutto di una originale ideazione formale che affonda le sue radici nell'antichità.

Quelle di Somaini sono "Archisculture" che, successivamente, divennero protagoniste di alcuni fotomontaggi di forte impatto, eseguiti con l'obiettivo di documentarne l'ambientazione utopica di “attingere - ricorda Bruno Zevi - un più incisivo e stridente impatto provocatorio”.

La mostra è curata da Enrico Crispolti e Luisa Somaini ed è stata organizzata dall' Archivio Francesco Somaini in collaborazione con la Triennale di Milano

FRANCESCO SOMAINI
Uno Scultore per la Città
New York 1967-1976
La Triennale di Milano
13 Gennaio – 5 Febbraio 2017
Ingresso libero

La Triennale di Milano
Viale Alemagna 6
20121 Milano
T. +39 02 724341

© Riproduzione Riservata

Commenti