"Niente si distrugge ma tutto si trasforma". Neanche un materiale povero come il cartone della uova sfugge a questo assunto quando si combina con il talento e le capacità di Enno de Kroon, artista olandese famoso per realizzare opere d’ arte utilizzando questo materiale.

La sua può essere definita un’ arte a “due dimensioni e mezzo” poiché, utilizzando i cartoni delle uova per dipingere volti e figure umane o scene della vita di tutti i giorni, l' artista ottiene un curioso effetto a rilievo che sfaccetta e scompone il soggetto come nelle opere cubiste. Non è un caso, quindi, che il suo stile venga definito dall’artista stesso “Eggcubism” (o “uovocubismo”), poiché si ispira proprio al cubismo, portandolo a un livello quasi tridimensionale.


Grazie alla Fondazione Culturale Hermann Geiger, le opere di Enno de Kroon vengono esposte nella mostra "Eggcubism. L’arte a due dimensioni e mezzo" (la prima esposizione personale dell’artista olandese in Italia), dal 9 luglio al 18 settembre a Cecina (Livorno): protagonisti 53 rilievi che spaziano, per tipologia e genere, da piccoli ritratti a realizzazioni di grande formato, molto elaborati, ottenuti assemblando decine di cartoni (oltre 500 quelli impiegati in totale nei lavori esposti) anche su più strati

L’esposizione - curata da Alessandro Schiavetti - si innesta in un filone che sta molto a cuore alla Fondazione Geiger: quello dell’ arte realizzata con materiale di riciclo. Lo scopo è sensibilizzare il pubblico sui temi ambientali, sullo spreco delle risorse e sulla possibilità di creare arte da ciò che la società considera semplicemente spazzatura


Eggcubism. L’arte a due dimensioni e mezzo
9 luglio ‒ 18 settembre 2016
Fondazione Culturale Hermann Geiger
Piazza Guerrazzi 32, Cecina (LI)

Apertura
Tutti i giorni dalle 18 alle 23
Ingresso libero

© Riproduzione Riservata

Commenti