Simona Santoni

-

"Seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi". Fu questa nel 1997 la motivazione del Premio Nobel per la Letteratura ricevuto da Dario Fo a Stoccolma, orgoglio italiano e allora splendido giullare in frac. Oggi l'artista eclettico, drammaturgo, scenografo, attore, pittore, uomo di teatro dalle scarpe al midollo, compie 90 anni, anche se vibra di una giovinezza inesauribile.

Con i suoi testi teatrali, spesso in coppia all'amata moglie Franca Rame, ci ha fatto ridere, riflettere, indignare. Sul palco ha coinvolto con la sua gestualità buffonesca e l'affabulare che ha adottato anche il grammelot, linguaggio scenico asemantico, affascinante e misterioso, che Fo ha definito un'autentica scienza. Militante di sinistra, le sue satire sono stoccate alla politica e alla società contemporanee.

In occasione di questo novantenario, ieri è stato inaugurato a Verona il Musalab "Franca Rame-Dario Fo", destinato a valorizzare l'archivio del premio Nobel per la letteratura e della moglie scomparsa. Ospitato nei locali dell'Archivio di Stato, contiene copioni, manoscritti, stesure progressive, disegni, dipinti, bozzetti, manifesti, copie di contratti, fatture, libri, articoli, costumi, pupazzi, marionette, scenografie, locandine e foto di scena.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Addio a Franca Rame, il ricordo in foto

Teatro, impegno sociale, l'unione eterna con Dario Fo. Omaggiamo l'attrice scomparsa ripercorrendo la sua vita in immagini

‘La figlia del Papa’ sbarca in Cina: grande successo per il romanzo di Dario Fo

Giunto alla settima ristampa in Italia, il nuovo libro del Premio Nobel conquista anche l’oriente

L'Addio a Franca Rame: il saluto di una Milano in rosso

Si è conclusa sulle note dell'Internazionale la commemorazione funebre per Franca Rame, seguita da migliaia di persone radunate di fronte al teatro Strehler di Milano. Tantissime le donne. La commozione di  Dario e Jacopo Fo'.

Commenti