Attraverso la poetica di Spoerri - da sempre attento ad una riflessione critica sui principi fondamentali della nutrizione, in rapporto al valore spirituale dell’uomo - la mostra al M.A.X Museo di Chiasso intende illustrare in maniera giocosa e rivolta a un vasto pubblico l’attrazione continua dell’umanità nei confronti dell’epocale tema del cibo (tematica fulcro di EXPO 2015), visto come interfaccia fondamentale fra arte e vita.

In mostra sono presenti quasi duecento opere, fra cui i famosi “assemblaggi”/tableaux-pièges (assemblages di oggetti di uso quotidiano fissati a supporti e ribaltati nell’orientamento), sculture, collage, lettere, manifesti, volantini, riviste, menù, litografie e i curiosi e ironici schizzi dell' artista svizzero - romeno.

Noto a livello internazionale, Spoerri è presente con sue opere nelle principali collezioni d’arte contemporanea, fra cui il MoMA di New York, il Museum of Contemporary Art di Sidney, il Mumok di Vienna e il Moderna Museet di Stoccolma.

La mostra è coprodotta con la Galleria civica di Modena e con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena (Modena è collocata nel triangolo di produzione di cibo più importante in Europa e proprio per questo motivo vi si trova una folta presenza di collezionisti di opere della corrente della Eat Art )

Daniel Spoerri
Eat Art in transformation
m.a.x. museo, Chiasso (Svizzera)
via Dante Alighieri 6
Fino a domenica 30 agosto 2015

© Riproduzione Riservata

Commenti