È stata presentata ieri, presso la Scuola ufficiali carabinieri di Roma, l'edizione 2016 del Calendario dei carabinieri. Nell'anno in cui la bandiera del corpo è stata decorata dalla Medaglia d'Oro ai benemeriti della cultura e dell'arte, "per l'opera svolta a salvaguardia del patrimonio culturale italiano e internazionale", il calendario è ispirato al tema I carabinieri e le arti.

Le sue tavole, ideate e realizzate sotto la direzione artistica di Silvia Di Paolo, propongono una rivisitazione di alcuni capolavori della pittura italiana ed europea, realizzati da grandi artisti come Modigliani, De Chirico, Monet, Dalì, Toulouse Lautrec o Van Gogh, attraverso l'inserimento nelle loro opere di carabinieri e simboli legati all'Arma. 

Nato nel 1928, il calendario è giunto alla sua 81esima edizione: dopo l'interruzione post-bellica (1945-1949), la sua pubblicazione è ripresa regolarmente dal 1950. Quest'anno ha una tiratura di 1 milione e 200mila copie, di cui ottomila in lingue straniere (inglese, francese, spagnolo e tedesco). Contestualmente al calendario, è stata presentata anche l'Agenda del Carabiniere, dedicata quest'anno al centenario della Grande Guerra e al ruolo svolto dai carabinieri nella Resistenza

 

"L'Arma è una grande famiglia, per la qualità e l'intensità del legame che unisce i carabinieri" ha detto il comandante generale Tullio Del Sette, ripercorrendo nel corso della presentazione le varie edizioni storiche del calendario e ricordando le "tante immagini susseguitesi nel tempo sulle sue pagine: dalle opere d'arte recuperate alle imprese sportive dei carabinieri atleti; dai giovani alle donne; dalla bandiera dell'Arma alle missioni all'estero".

"L'Arma - ha aggiunto il capo di Stato Maggiore della Difesa, Claudio Graziano - è parte integrante dello strumento militare, svolge una pluralità di compiti che vanno dall'impegno in patria per la sicurezza e il controllo dell'illegalità all'impegno all'estero con le altre forze armate, nelle operazioni di stabilizzazione. Al valore eroico della gente del passato si associa la consapevolezza dello straordinario e indispensabile contributo che l'Arma, attraverso semplici gesti, svolge nel quotidiano".

Nel suo intervento, il Ministro della Difesa Roberta Pinotti, ricordando come non vi sia "libertà senza sicurezza", ha parlato di una peculiarità "a cui i carabinieri tengono moltissimo", di "un tesoro che va salvaguardata con molta attenzione": "Pur compiendo la maggior parte del loro servizio in Italia - ha detto - in quanto forza armata hanno una proiezione internazionale. E questo li rende unici."

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti