Rita Fenini

-

Una grande mostra digitale che va dallo stile fiammingo delle opere di Bosch e della dinastia Brueghel fino all’arte burlesca e metaforica di Arcimboldo: 54 proiettori riproducono atmosfere magiche e sognanti, regalando al pubblico una totale immersione nelle opere di questi grandi artisti cinquecenteschi attraverso una combinazione di immagini, musiche e tecnologia

Quando

La mostra "Bosch, Brueghel, Arcimboldo" sarà visitabile dal 14 novembre 2018 al 26 maggio 2019 nei seguenti giorni e orari

Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude un’ora prima)

Dove

Ad ospitare l'esposizione gli spazi degli Arsenali Repubblicani in Via Bonanno Pisano, 2 a Pisa

Perchè è interessante

L'evento pisano è una mostra di arte digitale unico nel suo genere: 30 minuti di spettacolo fatto di 2.000 immagini (in scala 1:1500) proiettate su uno spazio di 1000 mq e di musiche che vanno dai "Carmina Burana" di Carl Orff a "Le quattro stagioni" di Vivaldi fino a "Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin

Per un'occasione così speciale, in un’atmosfera lirica e poetica, gli Arsenali si popolano di innumerevoli creature fantastiche e allegoriche, dai colori vivi e cangianti.

Alchimia, religione, astrologia, vanità, tentazioni e vizi: questi i temi raffigurati nelle loro opere da Bosch, Brueghel e Arcimboldo con un acuto senso del dettaglio e che in questa fantasmagorica mostra avvolgono e circondano il visitatore a 360 gradi.

Lo spettacolo

Diviso in tre tempi, lo spettacolo si apre con un prologo ispirato alla creazione del mondo di Bosch - Il Giardino delle delizie - e si dipana sulle pareti, sulle vetrate e sul pavimento, che diventano la tela di opere quali l' Ascesa all’Empireo di Bosch, Il giardino dell’Eden e la Caduta dell’uomo di Brueghel e P.P Rubens, Paesaggio fluviale di Brueghel, Allegoria della Musica di Brueghel, Terra dell'Arcimboldo, Il Giudizio universale di Bosch, Torre di Babele di Pieter Brueghel il Giovane, Primavera e Quattro stagioni in una testa dell'Arcimboldo

Regia e colonna sonora

A curare sapientemente la regia Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto e Massimiliano Siccardi. La  colonna sonora, capace di coinvolgere, travolgere ed emozionare, porta invece la firma di Luca Longobardi



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Picasso Metamorfosi: la mostra a Palazzo Reale

Sino al 17 febbraio 2019 Milano dedica una grande mostra all'artista e al suo rapporto con il mito e l’antichità

Pollock e la Scuola di New York a Roma

Fino al 24 febbraio 2019 in mostra all’Ala Brasini del Vittoriano

Da Magritte a Duchamp: il Surrealismo in mostra a Pisa

A Palazzo Blu, sino al 17 febbraio 2019, una serie di capolavori dei grandi Maestri, provenienti dal Centre Pompidou

Commenti