In contemporanea alla Biennale, Venezia rende omaggio all' opera di Alighiero Boetti con questa interessante mostra, unica nel suo genere: articolata in dieci sezioni, per un totale di più di 20 opere, l' esposizione vedrà protagonista il confronto sistematico tra il "formato minimo" e "massimo" di tutti i principali cicli di opere attraverso i quali si è articolata l’ attività dell’ artista torinese tra il 1967 e il 1994.

In particolare, saranno esposti per la prima volta a confronto la più grande e la più piccola «Mappa» (1972-1994), il più grande e il più piccolo «Tutto» (1986-94), il più grande e il più piccolo «Lavoro Postale» (1973-76), la più grande e la più piccola opera del ciclo «Copertine» (1984): scopo di tale giustapposizione è evidenziare come nella ricerca di Boetti, pur nella successione di scelte linguistiche alternative, la metodologia della costruzione concettuale si configuri costantemente come elemento indipendente dalla struttura materiale, dalla dimensione e dalla spettacolarità dell’opera.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Giorgio Cini in collaborazione con Tornabuoni Art ed è curata dal direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte Luca Massimo Barbero, con la collaborazione della famiglia dell’artista e dell’ Archivio Alighiero Boetti di Roma

Alighiero Boetti.Minimum/Maximum

12 maggio al 12 luglio 2017

Fondazione Giorgio Cini
Isola di San Giorgio Maggiore - Venezia -

© Riproduzione Riservata

Commenti