Adventure Awards Days a Livigno

Al via la seconda edizione del festival tra arte e natura

La locandina dell'Adventure Awards Days – Credits: ufficio stampa

Micol De Pas

-

L'avventura e l'esplorazione si possono raccontare in tanti modi. Al punto che Livigno ha deciso di celebrarli in un festival, giunto alla sua seconda edizione, l'Adventure Awards Days, in cui alpinisti, esploratori, atleti, storyteller, fotografi, videomaker, musicisti e attori si confrontano sul tema del narrare.

Il programma in tre idee.

Le imprese. Un training camp di trail running e ultra trail porta atleti nazionali e non nella cittadine montana per raccontare le loro estreme avventure. Tra loro, Stefano Gregoretti, vincitore della Gobi Desert e della Yukon Arctic Ultra. E poi, gli alpinisti. Ci saranno Hervé Barmasse, che ha appena compiuto il concatenamento delle 4 creste del Cervino; Emilio Previtali, freerider e storyteller di grandi avventure, tra cui quella di Simone Moro sul Nanga Parbat, e Payge McMahon, guru americana del Power yoga, che terrà due stage dedicati agli sportivi.

Le immagini. Un workshop di foto e video e un contest fotografico dedicato agli sport outdoor fanno da cornice agli eventi cinematografici: 35 tra i migliori film e documentari provenienti da tutto il mondo saranno proiettati durante la manifestazione.

In scena. Anche il teatro racconta l'avventura. E sul palco di Livigno andrà in scena (S)legati, dedicato alla vicenda di Joe Simpson e Sion Yates, mentre la musica è pronta a fondersi con l'armonia universale: dopo una camminata in notturna per raggiungere i 2000 metri di altitudine, il pubblico potrà assistere al sorgere del sole sulle note di Cisco, ex voce dei Modena City Ramblers, con Guido Foddis, accompagnati da Simone Copellini. Si parte alle 3,30 del mattino da Livigno, mentre il concerto è in cartellone per le 5. Al rifugio, ricca colazione per i partecipanti.

------------------

Adventure Awards Days

22-27 luglio a Livigno

© Riproduzione Riservata

Commenti