Rita Fenini

-

Un’opportunità unica per ascoltare dal vivo e con modalità naturale i 5 violini più famosi del mondo in un’ innovativa installazione: un supporto digitale anima una tavola sonora in legno di abete, facendola vibrare per dare loro voce, in una riproduzione emozionale ad altissima fedeltà musicale. Un omaggio all’unione tra innovazione e tradizione della lavorazione del legno per strumenti musicali, in un collegamento ideale tra Cremona e Trento, passando da Milano. Un angolo di foresta della Val di Fiemme sapientemente intagliata e lavorata per essere proposta e ascoltata al Castello Sforzesco di Milano grazie all’installazione "Suono Perfetto!", in mostra nella panoramica Sala delle Merlate dal 14 luglio al 30 agosto 2015: un allestimento innovativo presentato in anteprima e che offrirà al pubblico la possibilità di sentire suonare come dal vivo i 5 violini più famosi al mondo, oggi conservati in collezioni private o in Musei e Fondazioni.

Il Cremonese, il Vesuvius e il Maréchat Berthier realizzati da Stradivari, Il Cannone di Paganini di Guarneri e il Collins di Amati – capolavori dell’arte liutaia datati nella prima metà del 1700 – sono stati realizzati in abete rosso di risonanza della Val di Fiemme. Come portare le loro note alle orecchie del pubblico, appassionati, professionisti e curiosi, senza intermediari artificiali (impianti stereo ecc.)? Una sola tavola armonica finemente lavorata, una sola Opera Sonora, in abete di risonanza, collegata a una postazione con fonte digitale ad alta qualità con software di gestione e selezione predisposto dagli studenti dell’ Istituto Tecnico Marconi di Rovereto, vibrerà sulle note emesse dall’alias virtuale dei 5 violini più famosi del mondo, con un tuffo nel passato del XVII e XVIII secolo: una modalità inedita e unica al mondo, emozionale e naturale, con cui ascoltare suoni ormai quasi sempre racchiusi in teche di vetro    

Dal 14 luglio al 30 agosto 2015
Sala delle Merlate, Castello Sforzesco di Milano

© Riproduzione Riservata

Commenti