Oculus
Tecnologia

Come costruire il PC adatto alla realtà virtuale

Entro questa primavera potremo mettere le mani sugli Oculus Rift e gli HTC Vive. Ma solo con un computer in grado di farli funzionare

Se pensate che il prezzo degli Oculus Rift, 699 euro più spese di spedizione, sia esagerato, beh dovreste indignarvi ulteriormente. Si perché per far funzionare correttamente i visori VR più acclamati (e attesi) serve un computer di tutto rispetto, qualcosa che non si trova mediamente nelle case degli italiani. Come dicono da Oculus, solo con un mix adeguato di hardware e software si può godere di una degna esperienza di realtà virtuale. Senza questi requisiti raccomandati, è possibile che giochi e app vadano a rilento, magari si blocchino o non partano proprio; un’eventualità che nessun entusiasta della realtà virtuale vorrebbe mai vivere.

Seguendo le indicazioni del team, è dunque possibile farsi due conti e capire quanto bisogna spendere, sul serio, per utilizzare i Rift. Lo stesso concetto vale per gli HTC Vive, il cui pre-ordine comincia il 29 febbraio con spedizioni ipotizzate per aprile. L’azienda di Taiwan non ha rilasciato informazioni specifiche sul tipo di computer da avere per connettere i Vive ma (e da più parti concordano) è praticamente certo che quello che può “mangiare” Oculus andrà bene anche per il diretto concorrente. Andiamo con la lista della spesa!

Il case

Per qualcuno non rappresenta un elemento fondamentale ma invece lo è. Se si vuole conservare il proprio computer per vivere esperienze di realtà virtuale per qualche anno, sarà bene comprare una struttura in grado di accettare aggiornamenti futuri. Non parliamo solo di scheda madre e video ma anche di una GPU aggiuntiva, slot per altre Ram, ingressi ad alta definizione e USB come se non ci fosse un domani. Una buona scelta è l’Antec P380, dal design sobrio ma non limitativo. Qualcosa in linea con un paio di visori ingombranti ma non appariscenti.
Prezzo: 199 euro

Scheda madre, alimentazione

ASRock Z97 Extreme6

Il modello ASRock Z97 Extreme6 è un'alternativa valida. Integra la funzione di deumidificazione programmabile e un controller incorporato al quale vengono collegati gli hard disk di cui può gestire l’attivazione o la sospensione per risparmiare energia.
L’alimentazione può essere affidata ad un Corsair CX500 non modulare, che costa mediamente poco e non presenta problemi di sorta.
Prezzo: 180 euro (ASRock) + 77 euro (Corsair)

Memoria RAM, disco fisso

Corsair CMZ8GX3M2A1600C9

Di per sé la memoria RAM non ha un grande impatto sulla qualità di accesso al mondo del virtuale. Ciò non significa non dotare la propria macchina di un modulo sufficiente per eseguire le operazioni VR e non solo. Un qualsiasi tipo di memoria DDR3-1600 andrà bene, magari della stessa Corsair (CMZ8GX3M2A1600C9) di cui abbiamo già scelto l’alimentazione.
Un doppio supporto HDD e SSD permetterà di avere sufficiente memoria di archiviazione a disposizione con un accesso rapido alle informazioni. Scegliamo un Hitachi da 2 TB e un Samsung 850 EVO da 250 GB.
Prezzo: 52 euro (RAM 2 pezzi da 4 GB ognuno) + 122 euro (HITACHI HDD) + 85 euro (Samsung SSD)

Il processore

Intel i7-4790K

Un’ottima CPU è l’Intel i7-4790K, quad-core a 3.60 GHz con scheda video integrata HD 4600. Ovviamente questo non ci basta ed è per questo che opteremo per una GPU aggiuntiva. Vista la potenza e il grado di stress a cui verrà sottoposto il processore, è quasi d’obbligo dotarsi di un sistema di raffreddamento, come la ventola Cooler Master Hyper 212EVO, compresa di piastra di fissaggio e supporti vari.
Prezzo: 360 euro (CPU) + 40 euro (Cooler)

La scheda video

nVidia GeForce GTX 970 DC Mini

Dicevamo della GPU integrata. Può andar bene per qualche operazione basilare ma qui, come per i giochi di nuova generazione, ci vuole ben altro. Optiamo per la nVidia GeForce GTX 970 DC Mini che, a dispetto del nome e delle dimensioni, conserva una buona potenza all’interno di un formato ridotto. Grazie allo spazio a disposizione nel case possiamo anche aggiungere una seconda scheda video così da assicurarci che le future opzioni di settaggio dei visori di realtà virtuale non ci colgano impreparati, anzi ci permettano di godere di tutta la migliore qualità nei prossimi mesi (anzi anni). La GPU aggiuntiva può essere una AMD Radeon R9 295X2, a cui va però collegata un’unità di alimentazione modulare come ad esempio una PSU Corsair, in grado di reggere il peso di una GPU che succhia decisamente più potenza della GeForce.
Prezzo: 360 euro (nVidia) + 600 euro/opzionale (Radeon) + 239 euro (Corsair HX1000i)

Il sistema operativo

windows 10 panorama

Ovviamente a bordo della macchina deve esserci un sistema operativo completo. Oculus consiglia almeno Windows 7 SP1 a 64 bit. Sarebbe meglio comprare un più recente Windows 8.1 Pro 64-bit e poi aggiornare gratuitamente al 10.
Prezzo: 109 euro

Conclusioni

Alla fine per costruirsi un computer che sia in grado di utilizzare la realtà virtuale per i prossimi anni bisogna spendere la bellezza di 1584 euro, che con una scheda video aggiuntiva possono arrivare a 2423 euro. Tanti in più di alcune soluzioni ad-hoc pensate da diversi produttori, tra cui Asus, che però forniscono un PC buono per giocare a ciò che Oculus Rift e HTC Vive sono oggi, non a quello che saranno domani.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti