Simona Santoni

-

Woody Allen il 1° dicembre compie 80 anni ma probabilmente non si dedicherà a grandi festeggiamenti nella sua abitazione newyorchese nell'Upper East Side. Impegnato nel nuovo film che coinvolge Kristen Stewart e Blake Lively e nella sua prima serie tv, per Amazon, forse liquiderà questo tondo traguardo senza tante celebrazioni e con una delle sue frasi ironiche sulla morte: "So di avere un po' di talento, ma non abbastanza per pompare il sangue al mio cuore quando entrerà in rigor mortis". 

Coi suoi occhiali dalla montatura spessa ormai iconici e con l'aria un po' smarrita, è animato da una creatività torrenziale che gli ha fatto cavalcare quasi mezzo secolo di cinema sempre attivo, facendogli consegnare almeno un film all'anno dal 1982. Il suo debutto è stato da attore nella commedia Ciao Pussycat (1965) di Clive Donner, per cui ha scritto anche la sua prima sceneggiatura. 

Dalla allora recitazione, scrittura e regia si sono spesso intrecciate, in un armonico e raffinato equilibrio comico, dando vita a film memorabili, caratterizzati da piccole lucide ossessioni, gag surreali e brillanti, battute sibilline e acute: Io e Annie (1977), Manhattan (1979), Zelig (1983), Hannah e le sue sorelle (1986), fino ai più recenti La maledizione dello scorpione di giada (2001), Match Point (2005), Midnight in Paris (2011). 

La sua filmografia da regista sceneggiatore conta 45 pellicole. In bacheca ha ben quattro premi Oscar, anche se non è si mai presentato personalmente a ritirarli. 

"Fare film è una meravigliosa distrazione. Non penso alla mia morte, al decadimento del mio corpo, al fatto che in un futuro molto distante sarò vecchio", ha detto Woody Allen all'ultimo Festival di Cannes, dove ha presentato Irrational Man, film con Joaquin Phoenix ed Emma Stone. Sarà il regalo di Natale che troveremo sotto l'albero (uscita 17 dicembre).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Woody Allen realizza la sua prima serie tv

"Non so come mi sono infilato in tutto questo. Non ho idea da dove cominciare", dice il regista, ingaggiato da Amazon

Woody Allen torna con Magic in the Moonlight: il trailer

Colin Firth e Emma Stone tra schermaglie e magia. Il film arriverà al cinema il 4 dicembre

Woody Allen, con l'accusa di pedofilia si è giocato l'Oscar?

In passato l'Academy ha mostrato di voler premiare l'arte e non le vicende personali dell'artista. Sarà così anche stavolta? Ma forse sarà proprio il giudizio estetico a correre in soccorso dell'etica

Commenti