Cinema

A Venezia Caffè, il film italo-cinese di Cristiano Bortone - Video

Prima co-produzione ufficiale con la Cina, debutta alle Giornate degli autori. Ecco il teaser trailer

Caffè

Simona Santoni

-

Alla Mostra del cinema di Venezia, nella sezione indipendente delle Giornate degli autori, oggi debutta Caffè di Cristiano Bortone, regista che nel 2007 vinse il Premio David Giovani con Rosso come il cielo

Il film è l'evento speciale che conclude la tre giorni dedicata alla Cina. Dopo il calcio, con Milan e Inter sempre più in mani cinesi, ora anche il cinema italiano si tinge d'Oriente. Caffè è infatti la prima co-produzione ufficiale con la Cina, in base al trattato firmato l'anno scorso tra Italia e Cina, e uscirà a breve in entrambi i Paesi (da noi il 22 settembre con Officine Ubu). "Da pionieri in questa lunga marcia abbiamo dovuto passare il vaglio della censura e delle autorità della Repubblica Popolare", racconta Bortone. "È stata una dialettica lunga e complessa, visti gli argomenti trattati, ma alla fine al film è stata riconosciuta la nazionalità cinese, che permetterà l'uscita in sala anche in questo enorme mercato".  

Caffè ci porta in viaggio attraverso Belgio, Cina e Italia per raccontare tre storie diverse tra loro ma legate dal gusto della bevanda che dà il titolo al film.

In Belgio, Hamed (Hichem Yacoubi), fuggito dall’Iraq alla ricerca di una vita migliore, è il proprietario di un piccolo banco dei pegni. Durante una violenta manifestazione di protesta il suo negozio viene assaltato e un'antica caffettiera d'argento a cui era legato da generazioni viene rubata. L'uomo scopre l'identità del ladro e, andando contro la sua indole pacifica, cerca di farsi giustizia da solo. Il protagonista della storia italiana è Renzo (Dario Aita), un giovane sommelier del caffè che lavora sottopagato in un bar di paese. Quando la sua fidanzata Gaia scopre di essere incinta, Renzo finisce per farsi coinvolgere in una rapina ad una torrefazione che prenderà una piega inaspettata. Dall’altra parte del mondo, nel cuore della Cina, Fei (Fangsheng Lu) è un giovane manager di successo che sta per sposarsi con la figlia del suo capo, un magnate dell'industria chimica. Tutto procede in modo perfetto, finché non gli viene chiesto di occuparsi di un grave incidente negli impianti dello Yunnan, regione dalla quale proviene Fei e patria della produzione del caffè. In un paesaggio straordinario una misteriosa artista lo costringerà a fare i conti con i valori della vita.

Nel cast anche Ennio Fantastichini, Miriam Dalmazio, Michael Schermi, Koen De Bouw, Sarah Yimo Li. 

Al Lido di Venezia intanto la Villa degli Autori ha fatto da location alla firma di un accordo che porterà 600 milioni di dollari di investimenti cinesi nel cinema in Europa e in particolare in Italia. Il presidente della Shanghai Film Art Academy, Jiang Bo, e Ai Yu, general manager del China Everbright Limited (fondo di investimento quotato alla borsa cinese e leader in questo settore di attività), hanno firmato la costituzione del Sino-Italian Film Culture Development Fund. 

In questo video in esclusiva il teaser trailer di Caffè, che presenta la parte cinese della storia:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A Venezia Nocturnal Animals: Tom Ford e una feroce storia d'amore

Tra thriller e dramma romantico, un film elegante e sofisticato che esplora la linea sottile tra redenzione e vendetta. Con Amy Adams e Jake Gyllenhaal

The Bleeder: a Venezia il film su Chuck Wepner, il vero Rocky Balboa

Liev Schreiber interpreta il pugile che ha ispirato Sylvester Stallone. Con carisma e umanità

The Young Pope di Paolo Sorrentino a Venezia: magnificenza e oscurità

Il cinema si fa serie tv. D'autore. Con un papa percorso da contraddizioni con gli occhi blu e insidiosi di Jude Law: "È una gioia essere un colore della tavolozza di Paolo"

Commenti