Cinema

Venezia 2019: chi è Lucrecia Martel, presidente di giuria

Sarà la regista argentina ad assegnare il Leone d'oro della 76^ edizione

Lucrecia Martel

Simona Santoni

-

Dopo Guillermo del Toro, è la regista argentina Lucrecia Martel a raccogliere l'eredità come presidente di giuria del concorso della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, che assegnerà il Leone d'oro della 76^ edizione, in programma dal 28 agosto al 7 settembre. 

"È un onore, una responsabilità e un piacere far parte di questa celebrazione del cinema". Lucrecia Martel

Già nel 2017 l'attrice statunitense Annette Bening aveva interrotto la lunga serie di presidenze maschiliLucrecia Martel è un nome poco mainstream ma importante, che conferma la vocazione di Venezia di essere festival di ricerca, pur accontentando anche la richiesta di vip (il Leone d'oro alla carriera andrà a Pedro Almodóvar). 

Lucrecia Martel nell'accettare la proposta ha dichiarato:

"È un onore, una responsabilità e un piacere far parte di questa celebrazione del cinema, dell’immenso desiderio dell’umanità di capire se stessa", ha detto Martel, raccogliendo la designazione come presidente. 

"Quattro lungometraggi e una manciata di corti, in poco meno di vent’anni, sono bastati a fare di Lucrecia Martel la più importante regista latino americana, e una delle maggiori al mondo", ha detto il direttore artistico Alberto Barbera, nel motivare la scelta. "Nei suoi film, l’originalità della ricerca stilistica e il rigore della messa in scena sono al servizio di una visione del mondo esente da compromessi, dedita all’esplorazione dei misteri della sessualità femminile, delle dinamiche di gruppo e di classe. Le siamo grati per aver accettato con entusiasmo di mettere il suo sguardo esigente ma tutt’altro che privo di umanità al servizio dell’impegno che le viene richiesto”.

Chi è Lucrecia Martel 

Classe 1966, nata a Salta, Argentina, Lucrecia Martel ha debuttato col suo primo lungometraggio La ciénaga nel 2001, seguito da La niña santa nel 2004, presentato in concorso al Festival di Cannes, e da La mujer sin cabeza nel 2008. Il suo quarto film, Zama (2017), un'esplorazione del colonialismo e del razzismo nell’America latina, è stato presentato in prima mondiale alla Mostra di Venezia.   

Retrospettive del suo lavoro sono state proiettate in molte istituzioni culturali e artistiche quali Harvard, MoMA, Lincoln Center, Cambridge e Tate Museum di Londra, insieme a una serie di masterclass sul suono e la narrazione che la regista ha tenuto nel mondo. 

Lucrecia Martel ha mostrato interesse per altri linguaggi artistici oltre al cinema. La sua ultima collaborazione è stata con Björk, con la direzione del suo concerto islandese Cornucopia allo Shed.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Venezia 75 e la vittoria di Netflix: il futuro del cinema

"Roma" di Alfonso Cuarón è il primo Leone d'oro distribuito dalla piattaforma digitale. Ma uscirà anche nelle sale. Il vaticinio di Alberto Barbera: "L'avvenire sarà tra sale e streaming"

Festival del Cinema di Venezia 2018: le foto più belle

Il grande cinema in Laguna: tra red carpet e divi, le foto più belle - a colori e in bianco e nero - della 75esima edizione della storica kermesse cinematografica

Venezia 2018: Leone d'oro a Roma di Alfonso Cuarón

Coppa Volpi agli attori Olivia Colman e Willem Dafoe. Leone d'argento a "The Favourite" di Yorgos Lanthimos

Leone d'oro di Venezia: 10 film belli da (ri)vedere

Da "Rashomon" di Akira Kurosawa ad "America oggi" di Robert Altman, ecco una selezione di film premiati al Lido

Venezia 2018, tra futuro e passato: i film più attesi

Da Lady Gaga senza trucchi nel debutto alla regia di Bradley Cooper all'Orson Welles incompiuto. La "Mostra d'Arte" illustrata da Piera Detassis

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965