Cinema

Una parrucchiera al cinema per raccontare Napoli senza spaccio né camorra

Esce il 6 aprile il film commedia di Stefano Incerti con Pina Turco, Tony Cammaro e Cristina Donadio

stefano-incerti

Il regista Stefano Incerti in una foto del 2010 – Credits: KikaPress

Si può raccontare la Napoli di oggi senza agguati di camorra, caroselli di motociclette e spaccio di droga in mezzo alla strada?

Il regista Stefano Incerti, autore di diversi film sulla sua città, fra cui il pluripremiato Gorbaciof con Tony Servillo, ci prova con La parrucchiera (produttori Skydancers e Rai Cinema, in collaborazione con Mad Entertainment) in uscita giovedì 6 aprile: una commedia ricca di personaggi femminili, che punta soprattutto sulle storie intime delle persone e sui paradossi collettivi di quella che è forse la più variopinta e contraddittoria delle città italiane.

Al centro di tutto c’è una giovane e bellissima ragazza madre, Rosa (Pina Turco), costretta ad abbandonare il negozio in cui lavora come parrucchiera a causa delle avances del marito della titolare (Tony Cammaro), con la conseguenza di una rottura fra le due donne perché quest’ultima (Cristina Donadio), che fino ad allora la trattava come una figlia, si schiera contro Rosa e con il marito. A quel punto la protagonista decide di mettersi in proprio e qui parte il vero intreccio narrativo.

Da un lato la ricomparsa di un vecchio amore mai dimenticato (Massimiliano Gallo), dall’altro le disavventure che l’inizio di questa attività imprenditoriale comporta per una giovane che non ha dalla sua parte mezzi economici né conoscenze, ma solo energia e voglia di riuscire.

Con l’aggiunta però di un paio di amiche dal cuore grande. Ed è proprio la solidarietà fra i personaggi femminili il motivo costante della storia (accompagnata dalle musiche della rock band napoletana Foja) di cui mostriamo una clip in esclusiva per Panorama.it. Fino al colpo di scena che regista e produzione, per ovvie ragioni, si guardano bene dal raccontare.

© Riproduzione Riservata

Commenti