Claudio Trionfera

-

Arrivare a Verona in cerca di un padre fuggiasco che ha fatto morire di crepacuore una madre famosa cantante lirica (per questo la Bohème, pezzo forte della mamma gli fa venire il mal di pancia) e ritrovarsi a seguirne le orme mischiandosi coi tre tenorini del Volo (Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble). Succede al giovane triste Vladimir (Giuseppe Maggio) protagonista di Un amore così grande (in sala dal 20 settembre, durata 90’) di Christian De Mattheis, regista di fiction tv che qua passa al cinema con risultati più musicali che cinematografici ma con un evidente impegno nella determinazione degli eventi sentimentali che il film, via via, propone.

Vladimir in cerca del padre con una madre nel cuore

Vladimir proviene da San Pietroburgo, altro polo geografico del racconto che si sviluppa quasi interamente tra le strade, le piazze e l’Arena veronesi. Colà è morta sua madre Costanza (Daniela Giordano), a Verona c’è invece suo padre Gabriele (Franco Castellano) che finisce per incontrare , evidentemente senza particolari entusiasmi, anzi con risentimenti del tutto plausibili.

Gli càpita, tuttavia, l’occasione di squadernare le sue doti vocali e tenorili, prima in piazza da artista di strada, poi in sedi più adeguate alle sue capacità grazie all’intuito dell’impresario del Volo (Tommaso, recitato da Riccardo Polizzy Carbonelli) il quale, con ogni probabilità, lo spingerà al successo accanto ai tre artisti da lui seguiti. Senza che, peraltro, questo bel ragazzo col talento canoro si faccia mancare un intreccio amoroso contrastato dagli eventi, visto il luogo, con la romantica Veronica  (una Veronica a Verona, non c’è male), nella parte Francesca Loy, capace di rimetterlo in pace col mondo.

Nel segno del mélo tra racconto e sviluppo musicale

C’è un po’ di confusione nell’intreccio tra il racconto del film e i contenuti delle opere liriche via via snocciolate e musicate (Mozart, Puccini, Verdi, Vivaldi, Donizetti, Čajkovskij e Loncavallo in repertorio) oltre la Bohème in agguato nella psiche disfatta del protagonista. A prevalere, come segno stilistico dominante, è tuttavia il mélo e in fondo questa indicazione è pertinente alle logiche di rappresentazione. Cui una efficace fotografia (dell’esperto Gianni Mammoletti) consegna una certa eleganza plastica e una buona varietà di prospettive tra interni ed esterni.

Il cantante Piero Mazzocchetti si adopera con impegno nel doppiaggio  di Vladimir, i ragazzi del Volo fanno del loro meglio per far volare il film, a volte riuscendovi ed esprimendone un elemento di curiosità e attrazione. Indovinata nella lista sonora, accanto a tanta musica lirica, la scelta di due brani della sorprendente salernitana Denise, Parrots e Ageless, pop rock elettronico e vocalità superiore.

Voto: 2/5
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Separati ma non troppo: sotto lo stesso tetto – La recensione

Dominique Farrugia (dato per morto con fake news pochi giorni fa) dirige una divertente commedia francese sul divorzio ostacolato dalla crisi economica

Lucky, giovinezza e vecchiaia dello spirito – La recensione

Il ritratto filosofico ed esistenziale di Harry Dean Stanton: confessioni e paure dell’attore scomparso in un bel film sospeso tra documento e finzione

Revenge, questa dea della vendetta è “pulp” – La recensione

La regista Coralie Fargeat scatena una ragazza stuprata contro i suoi carnefici. Diluvio di sangue in un geniale intreccio di violenza e mondi irreali

Commenti