Cinema

Tonya con Margot Robbie: il dvd in edicola con Panorama

Dal 26 luglio. Ambizione sportiva che diventa ossessione criminale: il film da Oscar sulla storia "nera" di una grande pattinatrice

Tonya

Redazione

-

Talento, muscoli esplosivi, faccia da bulla. Dalla middle class verso il riscatto e le Olimpiadi e poi nella polvere. Pattinatrice statunitense che ha dato spettacolo sul ghiaccio, Tonya Harding ha dato anche scandalo, invischiata in un torbido episodio di antisportività che ha riempito le cronache internazionali degli anni '90. La sua storia turbolenta, da atleta prima amata e poi odiata, diventa film, un "biopic" originale dall'umorismo nero brillante. Ecco Tonya, prossima anteprima in dvd in uscita con Panorama (da giovedì 26 luglio in edicola).

A interpretarla con grinta deflagrante Margot Robbie, che del lungometraggio è anche produttrice. L'Oscar però non è arrivato a lei, comunque bravissima, ma ad Allison Janney, come migliore attrice non protagonista, nella parte di LaVona Harding, l'anaffettiva e dura mamma di Tonya.

La regia scoppiettante è dell'australiano Craig Gillespie (già regista di Lars e una ragazza tutta sua).

Temperamento focoso dentro e fuori dai campi di gara, stile muscolare, Tonya (Robbie) è stata la prima pattinatrice americana a eseguire lo spettacolare salto "triplo axel". Dalla vita personale tormentata e difficile, spronata a essere una campionessa dalla madre (Janney) con modi al limite della violenza psicologica, Tonya ha visto crollare la sua popolarità dopo il vergognoso episodio del 6 gennaio 1994: la collega e connazionale Nancy Kerrigan (Caitlin Carver) fu aggredita, colpita al ginocchio destro con una sbarra, dopo una sessione di allenamento ai campionati nazionali. Fu costretta a ritirarsi momentaneamente e il titolo nazionale andò alla Harding. Dietro quell'attacco c'erano il marito di Tonya, Jeff Gillooly (Sebastian Stan), e il suo amico disturbato Shane (Paul Walter Hauser). Tonya negò di essere la mandante ma confermò di essere al corrente del piano criminale.

Sospinto da un ritmo croccante e da scene spettacolari sui pattini, Tonya è il ritratto tragico e al tempo stesso ironico di una donna forte e di una società bisognosa di creare miti per poi distruggerli.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I film più belli del 2018 (finora)

New entry da primo posto il gioiello giapponese "Un affare di famiglia" di Kore-eda Hirokazu

I 10 film più visti della settimana

Ancora in testa il nuovo capitolo della Marvel "Venom". A ruota "A star is born" con Lady Gaga

I 10 film più belli sul calcio

Per gli amanti del gioco del pallone, ora davanti alla tv per i Mondiali russi, ecco una top ten di titoli appassionanti o divertenti o cult

Commenti