Simona Santoni

-

Il tempo che passa non può che inquietare, soprattutto una diva che deve specchiarsi continuamente nella sua immagine sullo schermo. Ma Susan Sarandon sembra saper affrontare la sua avanzata con genuinità e "coraggio". A 70 anni, che compie oggi, è ancora possibile riconoscere in lei la donna al contempo fragile, sensuale e temeraria che abbiamo amato in Thelma & Louise, L'olio di LorenzoIl cliente.

"Non ho mai fatto nessun intervento di chirurgia plastica", ha detto l'attrice americana, "ma penso che le donne abbiano il diritto di fare ogni cosa vogliano anche del loro corpo se questo le fa sentire meglio con se stesse. Certo è difficile fare questo lavoro e vedere sullo schermo ogni tua singola ruga. Non mi piace quando i chirurghi fanno di tutto per rendere perfette le donne che alla fine sembrano come bambole di plastica con seni giganti. Una cosa questa che mi fa davvero paura".

Nata il 4 ottobre 1946 a New York (nonno materno siciliano) come Susan Abigail Tomalin, Sarandon è il cognome del suo primo marito, Chris, compagno di corso della Catholic University of America Drama School e poi attore come lei. Il cognome le è rimasto addosso come pseudonimo artistico. L'esordio al cinema è stato nel 1976 con La guerra del cittadino Joe, in cui interpreta una ragazza uccisa dal padre. Poi ecco La mortadella (1971) di Mario Monicelli accanto a Sophia Loren e Prima pagina (1974) di Billy Wilder. La svolta arriva il cult gotico The Rocky Horror Picture Show (1975): Susan è una delle poche che emerge da quel cast.

Con Atlantic City (1980) di Louis Malle, con cui ha avuto una relazione, arriva la prima candidatura all'Oscar. Accanto a Catherine Deneuve recita nell'horror saffico vampiresco Miriam si sveglia a mezzanotte (1983). In Italia per interpretare Edda Mussolini nella serie tv Io e il Duce, accanto a Anthony Hopkins, si innamora dello sceneggiatore Franco Amurri, dal quale ha la figlia Eva Amurri, oggi anche lei attrice. 

La consacrazione è però del 1991, grazie a Thelma & Louise. Per lei un ruolo bellissimo e intenso che sembra cucitole addosso: Louise, una cameriera tranquilla e insoddisfatta, in viaggio con l'amica Thelma in quello che diventa ben presto una fuga ribelle e determinata dal maschilismo, a costo di morire. 
L'atteso Oscar arriva nel 1996 con Dead Man Walking - Condannato a morte: interpreta una suora convinta e ostinata a ottenere il riscatto etico di un condannato a morte incarnato dal suo ex Sean Penn. 

Politicamente impegnata e fortemente pacifista, Susan Sarandon ha avuto dure prese di posizione prese contro l'amministrazione Bush e la guerra in Iraq. Come tanti dei suoi personaggi, irradia forza e indipendenza. È un'antidiva intelligente e carismatica, in sospensione tra ribellione e delicatezza. Buon compleanno Susan!

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Susan Sarandon sexy ai SAG awards

A 69 anni ci si può mostrare in reggiseno sul red carpet?

Susan Sarandon e la replica da manuale alla stampa bacchettona

Ecco come l'attrice ha risposto a chi l'ha accusata di essere stata troppo sexy ai SAG Awards

Susan Sarandon: "Ho amato David Bowie"

L'attrice, che a breve diverrà nonna, ancora fuma gli spinelli e ricorda con nostalgia gli anni del "Potere alla fantasia"

Commenti