Claudio Trionfera

-

E pensare che i protagonisti di Perfetti sconosciuti l’avrebbero benedetta, l’assenza di campo. Invece quelli di Sconnessi (regia di Christian Marazziti, uscita in sala 22 febbraio in concomitanza con lo #Sconnessiday, giornata di sensibilizzazione sulla “dipendenza da internet”, durata 90’)  ci si struggono, abbacchiati, depressi, disorientati.  Va così che l’abituale e un po’ abusato raduno di famiglia – stavolta in una sperduta ma elegante dimora alpestre – rotoli nei paraggi del dramma, sempre in commedia si capisce, complice la dichiarata ostilità al digitale, alla rete e agli smartphone di Fabrizio Bentivoglio nei panni di Ettore Ranieri, scrittore di successo il quale, per festeggiare il suo compleanno, trascina nello chalet figlie e figliastri con spose e fidanzate, nonché la sua seconda moglie Margherita (Carolina Crecentini), molto incinta e un po’ coatta.

Ecco le prediche del “guru dell’analogico”

Lo scrittore, ai più noto come “guru dell’analogico”, prima si abbandona a lunghe prediche sull’ipnosi da cellulare che ammanetta, come tutti, anche i suoi ospiti (“tocchiamo lo schermo del telefono 2600 volte al giorno, sentenzia, ma quelle veramente necessarie sono soltanto 14”); poi si gode, con sottile sadismo ed evidente soddisfazione, un improvviso blackout che, magari da lui stesso diabolicamente indotto,  inchioda il wi-fi e paralizza le comunicazioni col mondo, con la rete, con le scommesse online, con le chat.

Pure con l’ospedale, però, quando sua moglie, inevitabilmente viste le circostanze, s’appresta al parto, rassegnandosi a risolverlo come natura vuole. E come vuole quel piccolo mondo antico vagheggiato da Ettore che, chissà, sta cercando solo uno spunto per il finale del suo romano irrisolto.

Nove personaggi in cerca di un film

I personaggi, sconnessi e sgomenti di testa e di telefono, sono nove e cercano invece il loro film. Che si propone come commedia e qualche volta riesce a divertire con gli sproloqui di Carolina Crescentini  nella parte di Margherita e nelle battute estemporanee di Ricky Memphis nella parte di suo figlio Achille, raggiunto senza preavviso dal fratello bipolare Palmiro (Stefano Fresi).

Gli altri sono i figli di Ettore Claudio (Eugenio Franceschini) - giocatore seriale di poker online che ha qualche conto in sospeso col padre e s’accompagna alla sempre scollata fidanzata Tea (Giulia Elettra Gorietti) – e il liceale imbranato Giulio (Lorenzo Zurzolo); la severa governante ucraina Olga (Sonia Liskova) e sua figlia Stella (Benedetta Porcaroli), ex bruttina diventata graziosa della quale il liceale imbranato non potrà che innamorarsi.

Cinque sceneggiatori e qualche spiffero di “déja vu”

Tutto il resto s’affida ai sermoni filosofici e alle ammonizioni che Bentivoglio, sempre più levitante, assopito e rarefatto, dispensa con un certo moralismo e una non deposta bravura. Non male anche gli altri attori, molto per meriti propri, un pochino meno per quelli d’una sceneggiatura che porta ben cinque firme e qualche spiffero di déja vu tra reminiscenze di remoti cinepanettoni e una più recente escursione scolastica di Federico Moccia, egualmente flagellata dalla latitanza del campo.

Per saperne di più

Dipendenza da smartphone: 6 cose da sapere

Dipendenza da internet: come riconoscerla e come intervenire

Dipendenza da Internet: in Cina ci sono i "campi” per curarla




Voto: 2/5
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La forma dell'acqua - The Shape of Water: la recensione

La fiaba dark di Guillermo Del Toro candidata a 13 premi Oscar e Leone d'oro a Venezia. L'amore "altro" nel riscatto ecologistico dalla diversità

Ore 15:17 attacco al treno – La recensione

Clint Eastwood e il dramma del 2015 sulla Amsterdam-Parigi: un assalto terroristico sventato da tre giovani americani che nel film recitano se stessi

Commenti